Il convegno “Dante nella Toscana occidentale: tra Lucca e Sarzana (1306-1308)” promosso dall’Università di Pisa si svolgerà il 5 ottobre dalle 10 nell’auditorium della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca (Via San Micheletto 2, Lucca) e il 6 ottobre dalle 10,30 nella sala consiliare del Comune di Sarzana.  L’evento ha il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e il patrocinio del Comune di Sarzana, dell’Associazione degli italianisti, della Società Dantesca e della Società Dante Alighieri. I lavori saranno animati dai principali studiosi di Dante fra cui i professori Marco Santagata e Alberto Casadei dell’Ateneo pisano.

Nel corso dei due giorni verranno presentati i risultati di numerose ricerche d’archivio, bibliotecarie e storico-critiche, che hanno permesso di riprendere e precisare gli elementi relativi ai rapporti di Dante con la Lucchesia (e, in stretta connessione, la Lunigiana), soprattutto intorno al 1308, quando di sicuro fu presente in città il figlio Giovanni Alighieri. Proprio i documenti relativi alla famiglia Gentili, che organizzò una compravendita e probabilmente ospitò Giovanni, potranno proporre nuovi indizi, per esempio riguardo alla famosa “Gentucca”, nominata in Purgatorio XXIV. Ma molte altre acquisizioni riguarderanno le biblioteche lucchesi tra fine Due e inizi Trecento, l’ambiente culturale e in particolare letterario, con affondi sul teologo Bartolomeo Fiadoni (ossia Tolomeo da Lucca) e sul poeta Bonagiunta Orbicciani. Saranno affrontati problemi linguistici, filologici, critico-interpretativi, grazie all’esame di numerosi manoscritti e documenti, nonché alla rilettura di passi celebri della Divina commedia. Di grande interesse anche le integrazioni relative alla presenza irlandese e alla situazione artistica a Lucca, mentre uno specifico ricordo verrà dedicato al grande studioso e uomo politico Augusto Mancini.

Anche nella seconda giornata verranno analizzati o rapporti di Dante con la Lunigiana, la famiglia Malaspina e Cino da Pistoia negli anni intorno al 1306-1308, la circolazione della poesia provenzale nell’Italia nordoccidentale al tempo di Dante, nonché indagini sulle corti malaspiniane di Mulazzo e Giovagallo, rilievi storico urbanistici sulla Sarzana ai tempi di Dante e sull’arrivo a Sarzana di Giosuè  Carducci  nelle vesti di filologo dantesco.

I lavori saranno accessibili attraverso la diretta streaming: qui il link per la giornata del 5 ottobre e quello per il 6 ottobre.

Per maggiori dettagli sul programma, gli orari, i relatori e i titoli delle relazioni, consultare il sito.

 

 

Commenti

Condividi
Direttore responsabile di Sestaporta.news. Giornalista pubblicista ha lavorato dieci anni a PuntoRadio come redattrice e speaker. Collaboratrice per il quotidiano La Nazione, ha inoltre diretto l'ufficio stampa dei Comitati territoriale e regionale dell'ente di promozione sportiva Uisp.