Lezione di calcio della Carrarese di Baldini che distrugge un Pisa piccolo piccolo, incapace di reagire alle sortite offensive dei padroni di casa che hanno costantemente messo in difficoltà i neroazzurri. La squadra ne esce pesantemente ridimensionata. In un vero massacro, in campo l’unico a salvarsi è Gori, senza il quale il risultato sarebbe potuto essere ancora più netto del 4-1. Tavano sbaglia anche due rigori e Ricci colpisce una traversa. Il Pisa così si ritrova a stazionare al sesto posto, con la possibilità di scivolare addirittura al settimo o all’ottavo posto a seconda dei prossimi recuperi di Novara e Pro Piacenza. Ed è inutile nasconderlo, i limiti di questa squadra sono troppi ed evidenti per pensare di competere ad alti livelli.

Neroazzurri che arrivano a questa partita con la voglia di riscattarsi, ma a Carrara per tutta la settimana l’ambiente è stato caricato a dovere da Baldini e compagni, col dente avvelenato dopo la rimonta dello scorso anno dei neroazzurri. D’Angelo schiera per l’ennesima volta una squadra diversa, mantenendo inalterato il 3-5-2, mentre Baldini risponde con il suo 4-2-4. Il primo tempo è un massacro con la Carrarese che va al riposo sul 2-0, ma il risultato sarebbe potuto essere ben più netto. Per fortuna Gori ha parato un rigore a Tavano e lo stesso Tavano ne ha calciato un altro fuori un quarto d’ora più tardi, ma Caccavallo sale sugli scudi con una doppietta formidabile. Nella ripresa il copione non cambia col Pisa costantemente costretto nella propria metà campo. I padroni di casa colpiscono addirittura una traversa con Ricci e poi trovano il 3-0 con Piscopo e il 4-0 con Mobilio. Inutile il 4-1 finale di Gucher. Dopo un terzo di campionato e dopo aver fallito diverse occasioni e scontri con squadre più attrezzate il Pisa può fare meglio di così?

I tifosi neroazzurri a Carrara, gli unici promossi di oggi

PRIMO TEMPO – Dalle primissime battute si capisce subito che si tratta di una partita vibrante, con le due squadre a ritmi molto alti e con molti spazi in mezzo al campo dato che i due allenatori offrono due soluzioni tattiche molto differenti. All’11’ Carissoni viene atterrato in area da Brignani e la Carrarese beneficia subito di un calcio d’angolo. Dal dischetto Tavano viene fermato da un’altra parata di Gori che para il suo secondo rigore consecutivo stagionale e il risultato rimane inchiodato sullo 0-0. Dietro però il Pisa soffre tantissimo le incursioni del quartetto d’attacco della Carrarese. Al 24′ Liotti, libero in area, viene murato dalla difesa avversaria dopo una tiro a botta sicura. Un minuto dopo sempre Liotti, liberato alla conclusione da un velo di Di Quinzio, calcia fuori di pochissimo. Passano solo due minuti e la Carrarese passa in vantaggio, meritatamente per quanto visto in campo. Dopo una prima conclusione di Tavano, parata da un monumentale Gori, sul tap in Caccavallo segna la rete dell’1-0. Al 29′ Maccarone prova a impegnare Gori che fa sua la sfera. Al 31′ Brignani fa un altro fallo in area, stavolta su Rosaia e l’arbitro comanda un altro calcio di rigore. Stavolta Tavano la calcia alta con un presuntuoso cucchiaio e il risultato resta sull’1-0. Al 35′ si rivede il Pisa con Brignani sugli sviluppi di un angolo di Di Quinzio, ma il suo colpo di testa è alto. Al 37′ la Carrarese passa ancora con Caccavallo, servito da un assist di Maccarone e i gialloblu vanno sul 2-0. Poco dopo Marin calcia altissimo. Tavano al 41′ serve ancora Caccavallo, ma Brignani rischia l’autogol mettendo in angolo. Al 43′ il Pisa recrimina per un rigore che però non c’è, come confermano le immagini. Moscardelli viene ammonito e Freggia allontanato dalla panchina per proteste.

SECONDO TEMPO – Brignani, autore di un primo tempo disastroso, viene cambiato nell’intervallo e al suo posto entra Masi. La prima occasione è del Pisa con una punizione di Moscardelli che viene messa in angolo da un ottimo intervento di Borra, per la prima vera conclusione dei neroazzurri fino a questo momento nello specchio della porta. Al 57′ una ripartenza da manuale della Carrarese porta Caccavallo quasi alla tripletta, ma Zammarini, appena entrato, evita la rete del 3-0. Poco dopo un errore di Meroni mette in condizione Maccarone di far male, ma il suo tiro è ribattuto in angolo da Masi. Al 60′ la Carrarese colpisce anche una traversa con Ricci, con i neroazzurri ripetutamente vicini al tracollo. Tracollo che arriva al 69′ con Piscopo, autore della rete del 3-0, poi arriva addirittura il 4-0 con Mobilio. Non si contano più le occasioni per i padroni di casa, con il Pisa sepolto in area di rigore e incapace di reagire. Il fischio finale dell’arbitro, preceduto da un gol di Gucher, è una liberazione. Neroazzurri umiliati.

TABELLINO CARRARESE-PISA 4-1
Carrarese: Borra; Carissoni, L. Ricci, Karkalis, G. Ricci; Rosaia, Foresta; Caccavallo (64′ Piscopo), Maccarone, Tavano (52′ Valente), Biasci (64′ Mobilio).  All. Baldini
Pisa: Gori; Brignani (46′ Masi), Buschiazzo, Meroni; Lisi (55′ Masucci), Liotti; Di Quinzio, Gucher, Marin; Moscardelli (63′ Marconi), Cernigoi (55′ Zammarini). All. D’Angelo
Arbitro Marcenaro di Genova
Reti: 26′ Caccavallo, 37′ Caccavallo, 69′ Piscopo, 81′ Mobilio, 90′ Gucher
Note: Gori al 12′ para un rigore a Tavano, vano calcia alto al 32′ un rigore.

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva per la stagione 2016/2017. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018