A fine partita è il momento delle analisi in sala stampa. Parlano per il Pisa mister D’Angelo, oltre ai giocatori Brignani e Liotti. Sul fronte Alessandria invece parola a D’Agostino e ai calciatori Agostinone e Maltese.

Il primo a giungere in sala stampa è l’allenatore dell’Alessandria D’Agostino: “Questa è stata la partita che mi aspettavo, peccato per l’uomo in meno, avevamo tenuto bene il campo. Sapevamo di incontrare una squadra che di impeto ci veniva a prendere in avanti. Passato quel momento avevamo fatto noi la partita e potevamo andare in vantaggio. Nella ripresa i ragazzi hanno meritato questo punto, abbiamo anche cambiato assetto tattico. i ragazzi hanno lottato su tutti i palloni. Gli unici che sono usciti per crampi sono Panizzi e Santini che devono prendere la forma psicofisica. Abbiamo quattro giocatori che non hanno fatto la preparazione è così. Qualcuno ancora la tenuta non ce l’ha, ma giocando la troverà. Sartore si è sacrificato come si devono sacrificare tutti. Prima di ogni cosa viene il gruppo. I ragazzi lo sanno e lo hanno fatto abbastanza bene.”

Per i neroazzurri, ecco Liotti a commentare il match: “Dispiace per il risultato e per come si era messa la partita. Dovevamo cercare di sfruttare più le occasioni, non è andata dentro, ma dobbiamo essere consapevoli di essere una buona squadra, andare avanti giorno dopo giorno e crescere come squadra. Io sono un terzino puro, giocando da terzo mi viene voglia di andare in avanti, il mister ci dà delle direttive e noi seguiamo sempre le direttive dell’allenatore. Abbiamo cercato di sfruttare questi cross, ma dovevamo essere più incisivi.”

Spazio poi al difensore dell’Alessandria Agostinone: “Nell’ultimo quarto d’ora abbiamo avuto quella cattiveria agonistica necessaria che ha impedito al Pisa di fare gol, potevamo giocare dei giorni senza subire un gol, ne sono convinto. Oggi stavamo bene fisicamente, l’espulsione è stata un peccato, era una gara frizzante che avrei voluto vedere finire undici contro undici.”

Parla anche l’ex della partita, Maltese: “Sapevamo che il Pisa partiva in maniera forte, noi siamo stati bravi a contenerli e a ripartire con velicità riuscendo a creare cose importanti. L’espulsione ci ha fatto abbassare tanto, per come è andata la partita il punto conquistato è davvero importante. Il Pisa? Questa squadra è cambiata poco rispetto all’anno scorso, per ora non mi va di giudicare i miei compagni, dico solo questo. “

Parla anche Brignani, emozionato: “Era passato molto tempo dalla gara di Parma, oggi sono stato emozionato di esordire all’Arena. Abbiamo fatto quindici minuti buoni nel primo tempo, poi è stata una partita equilibrata e nella ripresa abbiamo fatto meglio, dobbiamo ripartire da qui. In difesa buon lavoro di reparto, ma possiamo migliorare. Credo sia mancato il gol, ma la prestazione c’è stata. Non deve venir meno la fiducia nelle nostre possibilità, gli attaccanti devono solo sbloccarsi poi sarà tutto più facile.”

Chiude la conferenza stampa del dopo partita Mister D’Angelo: “Siamo partiti bene i primi 10′, poi abbiamo giocato in maniera troppo scolastica, è vero che abbiamo rischiato poco, ma abbiamo anche creato poco. Nel secondo tempo abbiamo meritato la vittoria, ma non solo 10 contro 11, avevamo creato tanto prima. Dobbiamo migliorare non solo sul dato del gol, ma la squadra deve giocare con una intensità maggiore e con più velocità. Il gol arriverà se giochiamo come nel secondo tempo. I nostri attaccanti hanno tutti caratteristiche diverse. Dal 1′ del secondo tempo la squadra aveva un atteggiamento diverso. Non vedo problemi di concentrazione, troviamo difficoltà iniziali perché quando vengono a giocare tante squadre a Pisa si chiudono, se pensiamo di aggirarle giocando a ritmi bassi non riusciamo. Ci dobbiamo abituare a questo tipo di calcio in questo tipo di partite. La difesa ha giocato bene, l’Alessandria ha avuto una sola occasione da gol con il contropiede di Bellazzini. Nel momento in cui hanno fatto fase difensiva dopo il primo quarto d’ora per noi è stato difficile trovare spazi, dobbiamo giocare come abbiamo fatto nella ripresa e fare girare la palla più velocemente. La sostituzione di Di Quinzio è dovuta perché volevo un attaccante in più.”

 

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva per la stagione 2016/2017. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21.