Il tecnico nerazzurro, dalla sala stampa dell’Arena Garibaldi, ha commentato il match tra Pisa e Pescara. Ecco le sue dichiarazioni. Seguono le parole di Soddimo e Belli.

D’Angelo: “Avevamo preso un gol all’89’ e faccio fatica a dare la responsabilità a qualcuno della squadra. Obiettivamente è stato bravo Clemenza a fare un grandissimo gol, tirando dai 25 metri. La squadra però ha creduto di poter segnare un’altra volta. L’errore è stato quello di non aver gestito benissimo tutta la superiorità numerica, avremmo dovuto segnare il gol del raddoppio, ma abbiamo peccato. La squadra però ha meritato, in attacco il Pescara è molto forte e siamo stati bravi a limitarli. Abbiamo una rosa di bravi giocatori. Tutti i subentrati hanno fatto bene, da Vido a Soddimo, a Pisano e De Vitis, passando per Pinato che ha messo la palla per il gol di Soddimo. Mancano ancora troppe gare, il campionato di Serie B è sempre il solito e ogni partita presenta le sue difficoltà. Abbiamo fatto un buonissimo primo tempo giocando bene in ampiezza e abbiamo segnato un gol di quelli che ci capitano spesso, varie sono le cose positive. Se devo scegliere una cosa positiva è la grande dimostrazione di solidità della squadra. Oltre a Clemenza non ci hanno mai veramente impensierito Tenendo conto della situazione i ritmi sono stati buoni. In due minuti ci siamo proposti dopo aver subito il gol con Gucher e Soddimo. Vuol dire che la squadra stava molto bene dal punto di vista atletico. Avevamo diversi diffidati tra cui Lisi, sicuramente giocherà qualcun altro e si farà trovare con la concentrazione giusta per una gara così importante”.

Soddimo: “Un momento bellissimo. Avevamo appena preso il pareggio che ci stava stretto. In casa avevamo voglia di vincere per ripartire spediti. Pinato ha messo una grande palla e io ho dovuto solo spingerla dentro. Penso che fosse ore che segnassi il primo gol in maglia nerazzurra. Ce n’è di strada da fare, sicuramente ancora non hanno visto tanto di Soddimo. Con le partite pian piano tireremo fuori qualcosa di buono. L’approccio dopo la pausa è stato positivo in queste due gare, ma avevo pochi dubbi perché ci siamo allenati sempre bene. Ripartire così è stato fondamentale. Lo Spezia è una squadra da battere perché se la giocheranno fino in fondo, sono tosti. Abbiamo guadagnato qualche punto su quelle dietro e così va bene. Abbiamo tanti giocatori bravi e la gestione del mister dello staff è fantastica, vedo una coesione che non vedevo da tempo e mi piace molto. Dedico questo gol a mia figlia Ginevra”.

Belli: “Avevamo fatto una gara di continuità con Salerno. Era importante conquistare i tre punti. dedico questo mio primo gol in Serie B alla mia famiglia e a me stesso, perché all’andata mi ero fatto male passando un momento difficile. Ne parlavamo proprio ieri con Pinato ed è stato significativo trovare questo gol. Siamo stufi di essere beffati alla fine come l’Empoli o in altre situazioni. Non ci siamo fatti demoralizzare. Danilo è stato bravo a farsi trovare pronto sulla palla di Marco. Come i miei compagni mi aspetto di giocare, ma ci sono tante gare ravvicinate ed è un campionato molto diverso e con la regola dei 5 cambi uno si deve sempre far trovare pronto”.

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018