A fine gara parlano in sala stampa i tecnici delle due squadre D’Angelo e Bucchi oltre ai calciatori nerazzurri Benedetti, Di Quinzio e Masucci, che ha anche ricevuto il premio alle 100 presenze in nerazzurro dall’Associazione Cento.

Queste le parole di D’Angelo: “Gli episodi determinano i risultati, ma noi abbiamo giocato benissimo mettendo anche in imbarazzo l’Empoli. Potevamo meritare anche qualcosa in più. Quello che è successo negli ultimi minuti è stato clamoroso, anche perché un gol è arrivato su un rimpallo, ci lecchiamo le ferite, ma siamo pronti a ripartire. Il fallo su Masucci? L’arbitro ha deciso diversamente, è anche difficile valutare in quella situazione. Se errore c’è stato sicuramente non è stato in malafede de parte del direttore di gara. Ingrosso è anche rimasto in campo nonostante un problema alla spalla, ma è stato stoico. Siamo passati a tre perché avevano preso campo e noi a quel punto non avevamo rischiato molto, ma faticavamo a ripartire”.

Davide Di Quinzio mancava da diverso tempo, ma avrebbe voluto un ritorno diverso: “Era tanto che non giocavo, ma non posso essere del tutto contento vista la sconfitta, penso che il pareggio fosse la cosa più giusta, è stato un finale assurdo e ci dispiace per ciò che si era visto in campo, ma dobbiamo subito pensare a sabato e andare avanti. enso ai meriti dell’Empoli perché l’anno scorso giocava in Serie A. Oggi eravamo anche offensivi e abbiamo giocato per vincerla, ci sta concedere qualcosa. Lo facevamo l’anno scorso in C e può starci anche in Serie B. Abbiamo preso il secondo gol in maniera incredibile purtroppo, ma questo è il calcio.”

Queste invece le parole di Benedetti: “Peccato per il secondo gol, sembrava che la palla fosse lì apposta. Dispiace che l’arbitro non abbia fischiato il fallo su Masucci, ma dobbiamo accettarlo e guardare ai nostri errori. Il primo tempo abbiamo avuto delle buone occasioni, abbiamo fatto una partita alla pari, nel secondo tempo avevamo un po’ calato per poi ripartire. Sul 2-1 abbiamo spinto ancora di più per il pareggio, poi è arrivato il gol del 2-3. Dà fastidio perdere una partita del genere.”

Masucci è stato infine premiato dall’Associazione Cento per le 100 presenze, ma non è stato di molte parole: “Avrei preferito questo primo arrivasse in una occasione differente, ringrazio la Curva, tutto lo stadio per l’applauso, avrei fatto il cambio volentieri con la vittoria.”

Ha un gran sorriso il tecnico dell’Empoli Bucchi e non potrebbe essere altrimenti, dopo la vittoria arrivata all’ultimo respiro contro i nerazzurri: “Bellissima partita, lo spettacolo è iniziato sugli spalti con tutte e due le tifoserie. Il Pisa ha provato a vincere, ma negli ultimi 5 minuti si è visto lo spirito di questa partita tra due squadre mai dome. Se non sbagliamo e non giochiamo non miglioreremo mai. Andava bene anche pareggiare, ma la nostra è una squadra che prova a vincerla a tutti i costi. Questo è un gruppo totalmente nuovo e credo che l’errore di Brignoli di stasera abbai permesso di far gruppo. Il gruppo del Pisa può fare benissimo per tutto il campionato. Dovremo essere bravi e umili a fare qualcosa in più per tutto il campionato.” 

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018