Una gara che potrebbe tranquillamente essere presa d’esempio per il Var. Nel primo tempo infatti il Chievo passa in vantaggio con Meggiorini, grazie a un gran gol su rovesciata, ma l’azione è viziata da un evidente fuorigoco. Precedentemente il Pisa avevano anche recriminato per un possibile tocco di mano in area di Esposito, ma in questo caso le immagini non chiariscono fino in fondo. I nerazzurri attaccano e nel secondo tempo trovano la rete del pareggio con un gran tiro di Lisi dopo una folgorante azione personale. La squadra è viva e gioca con grande sicurezza alla pari contro una squadra che ha disputato tanti campionato di Serie A negli ultimi anni. Nel finale c’è anche un rosso nei confronti di Soddimo. Un arbitraggio comunque che ha lasciato troppo spazio a interpretazioni quello del direttore di gara Dionisi, che probabilmente sarebbe stato meglio aiutato dal Var. In uno scontro di gioco, prima del recupero, Gori ha la peggio, termina la gara stoicamente e viene soccorso anche a fine gara. Il Pisa muove la classifica, ma forse avrebbe meritato qualcosa di più da questa partita.

La coreografia della Curva Nord (Foto Pisa Sporting Club)

Dopo il pareggio dell’andata, tornano ad affrontarsi Pisa e Chievo. I nerazzurri non vincono all’Arena dal 2 dicembre, ma vengono da quattro risultati utili consecutivi, con l’ultima vittoria nel turno precedente contro la Cremonese. Clivensi che invece hanno ottenuto solo una vittoria nelle ultime 7 partite e sono separati dai nerazzurri solo da un punto. D’Angelo ha recuperato quasi tutti, a parte i lungodegenti Meroni, Varnier e Ingrosso. Partono dalla panchina Marconi, De Vitis e Soddimo, mentre in attacco è confermata la coppia composta da Masucci e Vido. Dietro le due punte Siega rileva Minesso, mentre a centrocampo Marin guida il reparto che vede anche Gucher e Pinato mezzali. In difesa esordio dal primo minuto per Caracciolo accanto al compagno di reparto Benedetti, mentre Birindelli e Lisi hanno il compito di difendere le fasce. Solo pareggi tra queste due squadre nei tre precedenti, chissà che questa gara possa rappresentare il salto di qualità per una delle due, col Pisa che manca il secondo successo consecutivo dal 15 settembre. Prima della gara straordinaria coreografia all’Arena Garibaldi nel ricordo a 21 anni dalla scomparsa del tifoso “Maurizio Alberti” la cui Curva Nord reca il suo nome. Il primo tempo è all’insegna della moviola, con il Pisa che protesta per un rigore non concesso dall’arbitro Dionisi per un possibile tocco di mano che neanche le immagini chiariscono fino in fondo. Il gol del Chievo di Meggiorini, capolavoro in rovesciata, è però viziato da un evidente fuorigioco, con le immagini che pescano Giaccherini più avanti col busto e il braccio di tutti i giocatori del Pisa. I nerazzurri provano a recuperarla, ma si espongono al contropiede. Nel secondo tempo è la squadra di D’Angelo a trovare il pareggio con Lisi, grazie a una azione personale che porta l’esterno a un gol strepitoso. Nel finale anche un rosso per Soddimo, pesantissimo per il giocatore che dovrà stare ancora fuori dopo l’infortunio dei giorni scorsi. Un arbitraggio comunque che ha lasciato troppo spazio a interpretazioni quello del direttore di gara Dionisi, che probabilmente sarebbe stato meglio aiutato dal Var. Il Pisa muove la classifica, ma forse avrebbe meritato qualcosa di più da questa partita.

L’azione del gol viziata da un fuorigioco. (da Pisa Olè) https://www.facebook.com/Pisaole/photos/pcb.2997699750281047/2997699046947784

PRIMO TEMPO – Nerazzurri in avanti fin da subito, con Gucher che trova al 3′ su punizione un calcio d’angolo impegnando il portiere Semper. Subito un giallo in area, perché dal successivo corner l’arbitro non ravvisa un tocco di mano del Chievo, con i giocatori del Pisa che protestano in maniera veemente, ma le immagini non chiariscono fino in fondo se la palla abbia toccato o meno la schiena o il braccio di Esposito. All’8′ però è il Chievo a passare grazie a una rovesciata di Meggiorini, abile a tradurre in rete con una conclusione acrobatica un cross. L’azione però è viziata da un fuorigioco, con le azioni da moviola che diventano addirittura due. Le immagini infatti pescano Giaccherini più avanti col busto e il braccio di tutti i giocatori del Pisa Risponde il Pisa su calcio piazzato un minuto dopo, ma dopo un batti e ribatti in area Benedetti la calcia alta da buona posizione. Al 18′ Meggiorini, l’autore del gol, si fa male e deve abbandonare anzitempo il campo, sostituito da Djordjevic. Al 21′ gran destro dal limite sugli sviluppi di un angolo da parte di Giaccherini, Gori blocca. Al 26′ Birindelli si vede respingere una conclusione al volo, poi è il Chievo un minuto dopo a mancare il colpo del 2-0 con Segre, che di testa mette alto a porta sguarnita, dopo che Gori aveva precedentemente neutralizzato un precedente colpo di testa. Al 33′ Ceter supera Gori, ma Benedetti riesce a evitare il gol del Chievo. I nerazzurri attaccano, ma è in contropiede che il Chievo cerca di colpire. Al 43′ Vido pesca Gucher che dal limite ottiene un prezioso calcio d’angolo. Subito dopo Masucci lascia partire un sinistro che attraversa l’area piccola terminando a lato.

SECONDO TEMPO – Al 48′, pochi minuti dopo il fischio di inizio della ripresa, Segre di testa non trova la porta. Al 51′ Lisi trova in area Masucci, ma Semper deve superarsi per evitare il pareggio del Pisa. Arriva il turo di Marconi che rileva Vido al 54′. Al 56′ Lisi scambia con Pinato, dribbla un avversario e lascia partire un destro siderale che si insacca alle spalle di Semper con l’aiuto del palo. D’Angelo decide anche di rilevare Pinato per inserire Soddimo. Al 65′ Gucher taglia per Masucci che la stoppa di petto e tira al volo verso la porta, ma Semper la blocca. Al 73′ Marin, sugli sviluppi di un angolo, trova in area Marconi che salta più alto di tutti, ma il suo colpo di testa sfiora il palo e termina a lato. Nel finale di gara entra Moscardelli che rileva Masucci per tentare il tutto per tutto. Il Pisa però resta in dieci uomini per l’espulsione di Soddimo che ha trovato la gamba di un avversario a testa mentre cercava di controllare il pallone. Scontro di gioco negli ultimi minuti tra Gori e Djordjevic, con i giocatori che rimasti a terra e il gioco fermo per diversi minuti. Nel finale ancora una volta Gucher salva il risultato neutralizzando una conclusione dal limite dell’area e la gara termina 1-1.

TABELLINO PISA-CHIEVO 1-1
PISA: Gori; Birindelli, Caracciolo, Benedetti, Lisi; Gucher, Marin, Pinato (Soddimo); Siega; Vido (54′ Marconi), Masucci (82′ Moscardelli). A disp. Perilli, Dekic, Pisano, Belli, Pompetti, Minesso, de Vitis, Fabbro, Perazzolo. All. D’Angelo
CHIEVO: Semper; Dickmann (73′ Frey), Leverbe, Cesar, Renzetti; Segre, Esposito, Garritano; Giaccherini (76′ Vignato); Meggiorini (19′ Djordjevic), Ceter. A disp: Pavoni, Nardi, Ongenda, Vaisanen, Karamoko, Morsaj, Rigione, Grubac, Zuelli. All. Marcolini
Arbitro: Dionisi di L’Aquila
Reti: 8′ Meggiorini, 56′ Lisi
Ammoniti: Dickmann, Garritano, Djordjevic, Masucci, Pinato, Siega, Soddimo
Note: Recupero 3′ pt, 6′ st. Biglietti emessi 2.730 rateo abbonati 5.271 totale spettatori 8.001 Incasso lordo € 88.086 di cui rateo abbonati € 53.826.

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018