Si deciderà tutto a Trieste domenica prossima per cercare di conquistare la Serie B e la squadra di D’Angelo può e deve crederci dopo aver recuperato due volte lo svantaggio. Il Pisa è a dir la verità molto sfortunato, andando sotto due volte sugli sviluppi di un contropiede avversario finalizzato da Costantino e dopo una deviazione su tiro di Formiconi. La rete del momentaneo pareggio è di Moscardelli, poi nel finale del secondo tempo è Marconi a trovare il pari una seconda volta. Nella ripresa gli ospiti hanno cercato solo di addormentare il gioco perdendo tempo, meritando di essere recuperati. Lisi, entrato in ritardo, con l’ammonizione decretata dall’arbitro, salterà la gara di ritorno.

E’ arrivato il giorno della tanto attesa finale, quella che vale un intero campionato, quella che decide un futuro, quella che per alcuni può essere anche il trampolino di lancio o il punto più alto di una carriera. Pisa e Triestina si affrontano a distanza di soli 3 giorni dall’ultima partita disputata, quella di semifinale. Diversamente dalla finale A che si svolgerà l’8 e il 15 giugno, la Finale B tra queste due compagini è stata anticipata poiché il Nereo Rocco di Trieste è indisponibile causa Europei Under 21. Ragion per cui le due squadre devono disputare un vero e proprio tour de force di 7 giorni per sudarsi la tanto agognata promozione in Serie B. I playoff fino adesso hanno rispecchiato i pronostici e in finale sono giunte le quattro squadre meglio piazzate in campionato.

La splendida coreografia della Curva Nord per Pisa-Triestina (Foto Andrea Valtriani)

D’Angelo mette in campo da titolare capitan Moscardelli che fa coppia con Pesenti in attacco. Dietro di loro Mattia Minesso e il centrocampo protagonista di questa cavalcata con Gucher, Marin e Di Quinzio. La difesa è la solita con De Vitis assieme a Benedetti al centro, con Birindelli e Lisi sulle fasce e in porta la garanzia Gori. La Triestina risponde con un 4-4-2 classico di Pavanel che punta molto al gioco sulle fasce e a una punta di eccezione che non dovrebbe far parte della categoria: Pablo “El Diablo” Granoche. Sugli spalti un grandissimo spettacolo per una coreografia che ancora una volta è destinata a entrare nella storia del calcio nerazzurro. Il primo tempo vede una gara molto equilibrata tra le due squadre: è la Triestina, su un errore generale a sfruttare un contropiede: Costantino punisce Gori dopo una respinta maldestra. Replica Moscardelli con un gran sinistro da fuori che si insacca, poi è ancora la fortuna a premiare gli ospiti che trovano il gol con Formiconi. Nella ripresa la Triestina ha solo cercato di perdere tempo, tra una girandola di cambi e di ammonizioni, con interi minuti persi nel ritardare qualsiasi tipo di operazione. Ma il Pisa ci crede fino in fondo e recupera ancora una volta il risultato con Marconi. Tegola l’ammonizione di Lisi che salterà la gara di ritorno. Adesso si deciderà tutto a Trieste.

La formazione titolare della finale Playoff Pisa-Triestina (Foto Andrea Valtriani)

PRIMO TEMPO – La gara è subito molto tirata e agonisticamente di ritmi elevatissimo. All’8′ c’è la prima occasione per la Triestina con Granoche che di testa impegna Gori che, plasticamente, fa sua la sfera sugli sviluppi di un angolo. Al 12′ Coletti sfiora la traversa su calcio di punizione, ma la palla è fuori. Due minuti dopo passa in vantaggio proprio la Triestina che ha approcciato meglio la gara. Un errore di Gucher infatti propizia il contropiede degli ospiti con Costantino che raccoglie una respinta di Gori su un tiro insidioso di un compagno. Il Pisa reagisce e al 17′ c’è un’ottima occasione per i nerazzurri con Di Quinzio che si smarca, serve Minesso, poi la palla arriva a Moscardelli che non imprime la necessaria forza per impensierire Offredi. Il Pisa attacca in maniera insistita e la Triestina si salva ancora sulla linea di porta dopo una batti e ribatti con Moscardelli, Benedetti e Pesenti. Gucher ci prova al 24′, ma il suo tiro-cross non arriva sui piedi di Moscardelli. Al 30′ la Triestina ha ancora una opportunità e dopo un cross insidioso Costantino ha la palla del 2-0, ma di testa solo davanti al portiere mette a lato. Al 33′ Lisi viene servito da Di Quinzio, salta il portiere e mette fuori, ma il guardalinee aveva già segnalato il fuorigioco. Al 39′ il Pisa trova il pareggio con Moscardelli. Un contropiede innescato da Gucher, dopo alcuni rimpalli arriva sul sinistro del capitano che lascia partire un sinistro imparabile per Offredi e la partita torna in parità. Un minuto dopo il Pisa ha anche l’occasione di raddoppiare, ma Pesenti sfiora il palo e la palla finisce fuori di pochissimo. Al 44′ con un po’ di fortuna la Triestina trova la rete dell’1-2 con Formiconi che dalla distanza trova la deviazione di un difensore avversario che spiazza Gori. Termina così il primo tempo.

SECONDO TEMPO – La ripresa vede il Pisa impegnato nel tentativo di recuperare lo svantaggio. Al 9′ arriva la palla buona a Marin, servito da un prezioso tacco di Pesenti, ma il suo destro sibila vicino al palo e finisce a lato di un niente. Al 13′ arriva il momento di Marconi che fa la staffetta con Pesenti. Poco dopo ammonizione pesantissima per Lisi che dovrà saltare la finale di ritorno. D’Angelo cambia e fa entrare Verna al posto di Marin, mentre Masucci rileva l’autore del gol Moscardelli. Al 21′ Gucher scodella in mezzo per la testa di Marconi, ma il calciatore del Pisa trova i guantoni di Offredi che mettono in angolo. La Triestina smette di giocare a calcio, preoccupandosi solo di far passare il tempo. Al 30′ Masucci non trova la porta dopo che il pallone attraversa tutto lo specchio su tiro di Benedetti. E’ poi la volta di Liotti e Izzillo che prendono il posto di Minesso e Birindelli. Al 42′ Marconi riceve palla su angolo e traduce in rete con una repentina girata di testa riportando il risultato sulla parità. Al 49′ Marconi, ancora di testa, impegna Offredi che è costretto a mettere in angolo.

TABELLINO PISA-TRIESTINA 2-2
Pisa: Gori; Birindelli (31′ st Liotti), De Vitis, Benedetti, Lisi; Gucher, Marin (19′ st Verna), Di Quinzio; Minesso (31′ st Izzillo); Moscardelli (19′ st Masucci), Pesenti (13′ st Marconi). All. D’Angelo.
Triestina: Offredi; Formicono, Malomo (33′ st Codromaz), Lambrughi, Frascatore; Procaccio (33′ st Petrella), Maracchi (25′ st Steffè), Coletti, Mensah (45’+1 st Bariti); Costantino (25′ st Beccaro), Granoche. All. Pavanel.
Arbitro: Robilotta di Sala Consilina
Reti: 14′ Costantino, 39′ Moscardelli, 44′ Formiconi, 42′ st Marconi
Ammoniti: Formiconi, Lisi, Offredi, Gucher
Note: Spettatori 9.297 per un incasso lordo di € 139.661. Recupero 0 pt, 5′ st.

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva per la stagione 2016/2017. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018