Straordinaria vittoria del Pisa a Busto Arsizio dopo una bellissima partita giocata a viso aperto da entrambe le squadre. E’ la Pro Patria a passare in vantaggio al 40′ con Bertoni, poi c’è il pareggio immediato di Masucci. Nella ripresa un legno per parte, poi sale in cattedra Birindelli con un gol meraviglioso e dalla traiettoria perfetta che si insacca e regala i tre punti ai nerazzurri. Adesso serve solo un punto per ottenere il terzo posto.

Luca D’Angelo ha scelto il 3-5-2 per contrastare la Pro Patria sul terreno di Busto Arsizio. I tigrotti infatti sono la squadra con il miglior rendimento in casa dopo la Virtus Entella e per i nerazzurri la partita è tutt’altro che semplice. Complice anche le solite assenze di De Vitis, Liotti e Verna oltre a Buschiazzo che è stato multato e punito dalla società, ma il cui problema è risolto, il Pisa deve fare più del solito di necessità virtù. La coppia d’attacco è una delle migliori per rendimento di tutta la stagione del Pisa, ovvero Masucci-Marconi, mentre dietro Brignani è in mezzo alla difesa composta anche da Meroni e Benedetti. Prima della partita i tifosi hanno voluto salutare la squadra con lo striscione “lottiamo ancora” e tante bandiere nerazzurre. Il primo tempo è vibrante e piacevole con le due squadre che giocano a viso aperto con grande abilità di fraseggio da una parte e dall’altra. A passare in vantaggio è la Pro Patria al 40′ con un tiro da fuori di Bertoni, cui replica subito dopo Masucci. Nella ripresa un legno per parte con Mora e Masucci, poi Birindelli segna un gol pazzesco che si insacca proprio sotto l’incrocio con una traiettoria imparabile. Il Pisa resiste fino alla fine e porta a casa i tre punti. Adesso ne basta solo uno per ottenere il terzo posto, l’ultimo atto sarà Pisa-Novara del prossimo 4 maggio.

Pisa e Pro Patria prima dell’jnizio della gara. Alle spalle i tifosi nerazzurri salutano la squadra con lo striscione “lottiamo ancora” (Foto Bianchi)

PRIMO TEMPO – Fin dal primo minuto il Pisa cerca di pressare la Pro Patria stando attenta a una delle caratteristiche più importanti dei padroni di casa, la verticalizzazione improvvisa. I nerazzurri provano anche a colpire in contropiede al 7′ con Birindelli, ma l’azione si risolve in un nulla di fatto. Il Pisa prova a conquistare campo ottenendo il pallino del gioco soprattutto nel fraseggio aggredendo anche sugli esterni. Al 18′ Di Quinzio accelera e converge al centro andando al tiro dai 25 metri e sfiorando il palo alla sinistra di Tornaghi. Al 22′ c’è anche il primo tiro della Pro Patria con Bertoni che, da fuori area, impegna in due tempi Gori. Subito dopo ancora i padroni di casa tentano l’affondo con Pedone e la palla finisce alta, poi con Mastroianni, ma Gori fa ancora buona guardia. Al 25′ Lisi viene atterrato dal limite: Gucher prova a sorprendere la barriera, poi Izzillo e Birindelli si fanno fermare da Tornaghi che mette la palla in corner. Al 40′ passa in vantaggio la Pro Patria grazie a Bertoni, abile a raccogliere una respinta della difesa del Pisa trafiggendo Gori con una conclusione potente e centrale. Subito dopo però Lisi penetra in area e Masucci raccoglie il pallone dopo un contrasto pareggiando immediatamente i conti. Dopo una vibrante esultanza e alcune proteste il DS Gemmi viene allontanato dal direttore di gara subito dopo il gol. A tempo scaduto Bertoni ci riprova dal limite, ma la palla finisce fuori e termina anche il primo tempo.

SECONDO TEMPO – La squadra di D’Angelo è la prima ad andare al tiro nella ripresa con Di Quinzio che ruba il tempo a un difensore, va al tiro, ma una deviazione ne rallenta la traiettoria e Tornaghi fa sua la sfera. Al 49′ Mastroianni si gira e calcia dal limite angolando il tiro il più possibile, ma Gori non ha problemi e blocca a terra. Al 50′ Meroni raccoglie una respinta e calcia malamente mettendo a lato. AL 52′ grandissima giocata di Bertoni per Mora che salta Benedetti e calcia sul palo, poi Gori blocca, ma il Pisa rischia tantissimo. Bertoni, il migliore della Pro Patria, calcia ancora al 55′, ma il tiro finisce a lato. D’Angelo così mette in campo Marin e Pesenti per Izzillo e Marconi. Al 59′ i nerazzurri pareggiano il conto dei legni con Masucci che colpisce la traversa, poi Gucher manda a lato calciando da fuori area. Al 68′ Lisi si accentra e va al tiro provando a sorprendere Tornaghi con un rimbalzo velenoso, ma l’estremo difensore della Pro Patria fa sua la sfera. Subito dopo però Birindelli segna una rete incredibile, probabilmente una delle reti più belle della stagione, calciando di sinistro a giro con palla imparabile sotto l’incrocio dei pali. All’85’ entra Masi al posto di Meroni, fermato dai crampi. L’ultimo cambio è quello di Minesso che entra al posto di Masucci, appena ammonito. I nerazzurri resistono fino alla fine e chiudono anche in avanti, legittimando la vittoria.

TABELLINO PRO PATRIA-PISA 1-2
Pro Patria: Tornaghi, Boffelli, Battistini, Lombardoni (46′ Molnar); Mora (85′ Gucci), Colombo (61′ Fietta), Bertoni (75′ Santana), Pedone (61′ Disabato), Galli; Le Noci, Mastroianni. All. Javorcic
Pisa: Gori; Meroni (85′ Masi), Brignani, Benedetti; Birindelli, Di Quinzio, Gucher, Izzillo (56′ Marin), Lisi; Masucci (89′ Minesso), Marconi (56′ Pesenti). All. D’Angelo
Arbitro: Garofalo di Torre del Greco
Reti: 40′ Bertoni, 42′ Masucci, 69′ Birindelli
Ammoniti: Lombardoni, Birindelli, Pedone, Battistini, Masucci, Molnar
Note: Recupero 2′ pt, 4′ st

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva per la stagione 2016/2017. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018