Pesantissimo passivo senza scusanti per la squadra di D’Angelo a Salerno che subisce ben quattro gol dai padroni di casa. Le reti sono di Tutino e di Kupisz, autori di una doppietta, ma in ogni rete della Salernitana c’è una parte di colpa della difesa nerazzurra, che vanifica le occasioni create dalla cintola in su, molte a dir la verità, ma non finalizzate dall’attacco del Pisa. La prima rete subita è una dormita colossale, con un gol segnato su assist del portiere avversario. Sulla seconda rete Kupisz arriva indisturbato da dietro, mentre la terza rete è una errata valutazione su un pallone velenoso, ma lento e prevedibile. La quarta rete, ancora una volta segnata da Kupisz, mostra tutti i limiti del reparto, oggi in completa confusione. Gol della bandiera di Marconi su rigore all’82’. Il Pisa deve farsi scivolare di dosso subito questa sconfitta, andando a rivedere ampiamente qualcosa in difesa.

Terza gara di campionato con una marcia di avvicinamento difficile per i nerazzurri, costretti a rinunciare a Loria, Varnier e a Marin, a causa dell’Asl territoriale, che nonostante i tamponi fossero negativi ha deciso di non farli partire per Salerno. Differente trattamento per Gyomber della Salernitana, come è stato già ampiamente discusso in un altro articolo (Link qui). D’Angelo deve rinunciare anche a Vido, fermato da un affaticamento muscolare dell’ultimo minuto. Lo schema invece è sempre lo stesso, con il tecnico nerazzurro che si affida al 4-3-1-2, schierando Perilli tra i pali, Belli a destra, Caracciolo e Benedetti centrali, mentre Lisi come sempre agisce sulla sinistra. a centrocampo De Vitis opera in mezzo, coadiuvato da Gucher e Mazzitelli come mezzali. Siega invece è dietro le due punte Masucci e Marconi. D’Angelo, a causa dell’assenza forzata di Loria, ha dovuto convocare il giovane Colnago, portiere della Primavera rilevato in prestito con diritto di riscatto dal Renate. Scolastico invece il 4-4-2 della Salernitana, con la coppia d’attacco formata da Tutino e Djuric. In campo gli ex Aya e Di Tacchio. In campo il Pisa è aggressivo e voglioso, creando anche diverse occasioni da gol, la più clamorosa delle quali sventata da Belec su Gucher. Purtroppo un’altra disattenzione difensiva mette Tutino davanti a Perilli e la Salernitana passa in vantaggio. Nella ripresa però la Salernitana segna altre tre reti, ancora una volta su errori da parte della difesa. Va in gol Kupisz e poi Tutino, autori di una doppietta. La rete della bandiera la segna Marconi su calcio di rigore all’82’. Unico aspetto positivo le molte palle gol create, ma i nerazzurri non sono riusciti a finalizzarle. La squadra di D’Angelo dovrà lavorare molto soprattutto sull’aspetto difensivo, apparso preoccupante oggi, perché due punti in tre partite sono pochi e questo passivo è molto pesante.

PRIMO TEMPO – Dopo 20 secondi Marconi viene atterrato in area al momento del tiro, ma per l’arbitro non c’è contatto con Casasola. Al 3′ Belli va al cross per Marconi, ma il colpo di testa è alto sopra la traversa. Al 6′ Gucher conquista palla, avanza e va al tiro dai 25 metri, ma la conclusione di esterno è completamente fuori misura. Al 9′ Lisi semina il panico nella difesa avversaria, dribbling dopo dribbling, prima di calciare dai 30 metri e spedire il pallone di poco a lato. Al 12′ ancora una volta Marconi di testa impegna Belec, ma Siega viene valutato in posizione attiva di fuorigioco. Un minuto dopo è Djuric ad alzare di testa sopra la traversa un bel cross di Casasola. Al 19′ Tutino pesca Capezzi arrivato dalle retrovie, ma il sinistro di prima intenzione dall’interno dell’area di rigore termina alto. Al 21′ Mazzitelli prova a segnare un eurogol calciando da centrocampo dopo aver visto Belec fuori dai pali, ma il suo tiro è alto sopra la traversa. Al 25′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Gucher scambia con Mazzitelli e va al tiro che Belec, con una mano, ribadisce nuovamente in corner con un grande intervento. Il Pisa, a cui viene annullata una rete per fuorigioco, ma giustamente, dato che su un primo tiro la palla era finita addosso a Marconi, in posizione regolare, subisce il capovolgimento di fronte al 27′ con Tutino che in contropiede gela una difesa nerazzurra mal schierata, segnando la rete del vantaggio. Al 36′ ancora Salernitana in contropiede, ma Casasola calcia addosso a Perilli. Al 38′ Marconi prova a girare sulla porta di Belec, ma l’estremo difensore della Salernitana fa sua la sfera. Al 42′ altro contropiede della Salernitana, ma stavolta il tiro di Tutino è debole e centrale. Ultimo sussulto al 46′ con Masucci che manda alto in mezza rovesciata. Termina così il primo tempo.

SECONDO TEMPO – Castori mette subito dentro Schiavone e Kupisz dopo l’intervallo, mantenendo invariato l’impianto tattico. Ad uscire dal campo Capezzi e Lombardi. Al 51′ Masucci trova Marconi che, di testa, viene stoppato da una grandissima parata di Belec. Al 54′ Schiavone pesca Djuric, ma l’attaccante della salernitana di testa mette alto. Due cambi anche per D’Angelo che inserisce Birindelli e Soddimo per Belli e Siega. Al 57′ seconda rete della Salernitana, stavolta con Kupisz. Prima Caracciolo interviene su Tutino, poi Kupisz, arrivato da dietro, brucia Perilli all’incrocio dei pali. Niente da fare per i nerazzurri. D’Angelo cambia ancora inserendo Palombi e Sibilli al posto di Masucci e De Vitis, con un Pisa ancor più in trazione anteriore. Al 63′ però arriva la terza rete della Salernitana, ancora una volta con Tutino che stavolta calcia un diagonale non proprio irresistibile per Perilli che, inspiegabilmente, valuta male la traiettoria di un pallone abbastanza lento, senza neanche tuffarsi. Al 71′ Kupisz segna anche la rete del 4-0, ancora una volta su una difesa, ampiamente in confusione. Nerazzurri senza scusanti in questa partita. Al 76′ Sibilli manda alto di testa un invito di Lisi. La gara è compromessa e il Pisa ormai non riesce più a tenere il campo, con lo stesso D’Angelo che urla a uno dei centrocampisti “guarda dove sei, se la mezzala, fai un po’ tu”. All’81’ Gucher viene atterrato in area dopo che Sibilli aveva seminato il panico. Dal dischetto Marconi spiazza Belec per il 4-1. All’83’ altra occasione per Soddimo, ma il suo tiro è alto sopra la traversa. Due minuti dopo Gucher calcia con un gran tiro a giro, ma la palla sibila fuori di poco. Dopo 4′ di recupero, termina così la partita.

TABELLINO SALERNITANA-PISA 4-1
SALERNITANA: Belec; Casasola, Aya, Gyomber, Lopez; Lombardi (46′ Kupisz), Di Tacchio, Capezzi (46′  Schiavone), Cicirelli (78′ Antonucci); Tutino (78′ Anderson), Djuric (85′ Giannetti). A disposizione: Adamonis; Mantovani, Karo, Veseli, Baraye, Dziczek, Iannoni. All. Castori.
PISA: Perilli; Belli (54′ Birindelli), Caracciolo, Benedetti, Lisi (81′ Meroni); Gucher, De Vitis (61′ Sibilli), Mazzitelli; Siega (54′ Soddimo); Masucci (61′ Palombi), Marconi. A disposizione: Kucich, Colnago, Pisano, Masetti, Alberti. All. D’Angelo.
Arbitro: Ghersini di Genova
Reti: 27′ Tutino, 57′ Kupisz, 63′ Tutino, 71′, Kupisz, 82′ Marconi (Rig.)
Ammoniti: Mazzitelli, Anderson
Note: Recupero 1′ pt, 4′ st

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018