A Pisa, città delle eccellenze in ambito medico, è nata una clinica di ultimissima generazione nelle cure odontoiatriche, la San Rossore Dental Unit.

Il nuovo polo odontoiatrico è stato inaugurato oggi con tanto di taglio del nastro cui hanno partecipato le autorità locali e regionali, tra cui il Sindaco Michele Conti. Tutta la città è stata invitata per festeggiare, visitare gli spazi e incontrare lo staff della clinica. Dopo il cocktail inaugurale la prima edizione della Corsa Ippica “Premio San Rossore Dental Unit” presso l’Ippodromo di San Rossore.

Immersa nel verde del parco naturale di San Rossore, a pochi passi dalla Torre, la nuova struttura collaborerà con l’adiacente Casa di Cura. E proprio la vicinanza con la clinica medica, che da più di 50 anni si occupa di cura e diagnosi con pazienti che arrivano da tutto il territorio nazionale, consentirà di poter affrontare interventi chirurgici su pazienti con patologie particolari che richiedono un’assistenza medica specializzata, che altrimenti una semplice clinica odontoiatrica non potrebbe garantire.

E’ soprattutto in ambito di implantologia che la nuova struttura vuole offrire servizi e tecnologie all’avanguardia. In questa disciplina negli ultimi anni la ricerca a livello internazionale ha fatto veri e propri passi da gigante e, grazie a metodi sempre meno invasivi e risultati sempre più efficienti, si è arrivati a realizzare interventi fino a pochi anni fa inimmaginabili. In questo campo la clinica pisana raccoglie l’esperienza ventennale del suo direttore sanitario, il Professor Giovanni Menchini Fabris, che ha fatto dell’implantologia e della chirurgia ossea ricostruttiva a fini implantari il campo principale della propria attività clinica e di ricerca. Menchini Fabris ha, infatti, un incarico di docenza presso l’Università degli studi “G. Marconi” di Roma e partecipa regolarmente come relatore a congressi nazionali e internazionali. Ha inoltre al suo attivo numerose pubblicazioni su riviste scientifiche.

Nell’ideare la struttura, particolare attenzione è stata anche data all’accoglienza del paziente e delle sue necessità. A cominciare dal fatto che la clinica è totalmente priva di barriere architettoniche e dispone di percorsi interni ed esterni per ipovedenti e di aree amplificate per ipoudenti. Ad un’altra categoria sensibile, quella dei bambini, è stata dedicata un’area con giochi e percorsi creativi pensati. Spazi di gioco all’interno degli studi e nell’area del giardino immerso nel verde dovrebbero aiutare i più piccoli e le loro famiglie ad affrontare al meglio la cura e la prevenzione dentale, nel massimo rispetto dei loro stati d’animo. La struttura vuole offrire, inoltre, competenze specifiche – compresa la possibilità di usufruire della sedazione cosciente – nel controllo del dolore, ma soprattutto dell’ansia da poltrona, che rappresenta per molte persone un vero e proprio ostacolo nella cura dei denti.

Commenti

Condividi
Direttore responsabile di Sestaporta.news. Giornalista pubblicista ha lavorato dieci anni a PuntoRadio come redattrice e speaker. Collaboratrice per il quotidiano La Nazione, ha inoltre diretto l'ufficio stampa dei Comitati territoriale e regionale dell'ente di promozione sportiva Uisp.