Il Fortino è un circolo Arci nel centro di Marina, proprio nei pressi del Fortino dei Lorena che sorgeva lì un tempo. Forte del restyling di qualche anno fa, il circolo da tempo si impone come punto di riferimento per un’intera comunità perché al centro di tutto tornino le relazioni.

Per questo si fa cantiere, come il Cantiere della vecchia fabbrica degli idrovolanti sempre in zona, dove si lavora con il gusto, la memoria e lo spettacolo, tre elementi alla base della convivialità.
Quattro giorni di “Festa di Primavera” , intensi e a 360°, per contentare davvero tutti.
Si parte sabato 22 alle 16:30 con l’intitolazione della bacheca “Il Fortino di Boccadarno”, dove con documenti originali, foto e didascalie si racconta le origini di questo posto straordinario che un tempo ospitava la fortezza lorense. A seguire, dalle 17, un convegno su “Luciano Lischi e il suo impegno per l’ambiente e la città”.
Alle 20 Cena di pesce e alle 22 concerto di Maria Maddalena Adorni.

Domenica 23 alle 10 si riparte con un importante incontro su “Il Futuro del mare” , un dibattito pubblico organizzato dal Gruppo di San Rossore dedicato ai temi della tutela ambientale con particolare riferimento ai problemi del mare e al ruolo delle aree protette. Temi già affrontati in passato e che stavano per concretizzarsi nella realizzazione dell’ “Osservatorio del mare” grazie all’allora ministro Orlando, fino a che poi l’incarico non passò a Galletti, il quale non dimostrò pari interesse. Alle 13 pranzo e dalle 16 pomeriggio dedicato ai più piccoli con i giochi di Felice Pantone e il “laboratorio dell’olfatto”. La giornata si chiude con cena e ballo.

Lunedì 24, alle 18, concerto-conferenza sulla Turandot, per conoscere meglio la storia di questa famosa opera pucciniana, e alle 20 cena vegetariana, ma anche no.
Alle 21:30 incontro con Athos Bigongiali e “1957”, racconto/spettacolo di Fabiano Corsini sui licenziamenti, al Cantiere, di 230 operai, dovuti, secondo quanto venne poi riconosciuto, a motivi di “rappresaglia” politica.

E poi arriva il 25 Aprile, una giornata fatta per stare insieme e ricordare, Si inizia, così, alle 9:30, con un’escursione per i luoghi storici e meno conosciuti di Marina, nella culatta di Arnino. Poi pranzo “tradizionale” con zuppa, baccelli e affettati del territorio. Il pomeriggio musica e canti del 25 aprile con Pietro Lino Grandi.
La festa nasce sulla scia della vecchia “MarinaLibri”, e non poteva mancare, quindi, la partecipazione della Libreria “Orsa Minore” con il suo stand all’interno della festa.

Tutti gli incontri sono liberi e gratuiti, per gli appuntamenti “culinari”, invece, occorre prenotarsi allo 050/36195 o a info@circoloilfortino.it

Commenti

Condividi
Direttore responsabile di Sestaporta.news. Giornalista pubblicista ha lavorato dieci anni a PuntoRadio come redattrice e speaker. Collaboratrice per il quotidiano La Nazione, ha inoltre diretto l'ufficio stampa dei Comitati territoriale e regionale dell'ente di promozione sportiva Uisp.