Dalla sala stampa dell’Arena Garibaldi il tecnico nerazzurro Alberto Aquilani anticipa i temi della sfida di domani contro il Brescia. Di seguito le sue dichiarazioni.

Come arriva la squadra a questo appuntamento dopo le 2 settimane di sosta? Qual è la situazione di D’Alessandro, Gliozzi, De Vitis e Touré?

D’Alessandro sta bene, è recuperato, anche De Vitis. Anche Caracciolo sta meglio ma non è pronto. Chi è tornato dalle nazionali è tornato con grande entusiasmo perché hanno raggiunto in tre dei grandi risultati. Ci fa onore avere tre calciatori che vanno agli Europei, consapevoli che la priorità per loro adesso è il Pisa.

Vuole commentare le parole di Nagy, alla tv ungherese, che ha aperto alla cessione a gennaio se non troverà spazio?

Ne abbiamo parlato anche perché quando succedono queste cose c’è il rischio che possano creare confusione, toccando però l’esterno e non l’interno. Nagy mi ha parlato e ha detto che la sua intervista è stata tradotta male, ci crediamo e pensiamo che cose del genere possano creare malumori nel gruppo, più ai compagni di squadra. Non esiste nessun tipo di problema, poi se a gennaio chi non è contento vuole cambiare siamo aperti a tutto e faremo il meglio per il Pisa. Oggi è un problema che non esiste. Sono tutti dentro la causa in maniera netta.

E quelle di Miguel Veloso che parla di playoff, rilasciate ai media portoghesi?

Veloso è un ragazzo che porta entusiasmo e positività, si comporta nella maniera giusta sia quando gioca, sia quando non gioca. Parlare però è un conto, fare è un altro. Dobbiamo essere bravi a determinare le sue parole e tradurle in fatti.

Cosa ne pensa del Brescia e del cambio in panchina?

Quando si gioca dopo la sosta e anche con un allenatore diverso può diventare un’incognita. Il focus resta sempre su di noi, per far sì che il nostro lavoro diventi la nostra forza. Maran è un allenatore brillante e la sua idea di fare calcio un po’ la riconosciamo. Affrontiamo una partita vitale sapendo che potrebbe essere un punto interrogativo. E’ una partita vitale perché ci siamo già passati, dobbiamo solo capire l’importanza di questa partita e come affrontarla. Abbiamo vinto una gara difficile a Bolzano, ma domani sapremo se questa vittoria avrà avuto un senso nella nostra continuità.

Quanto inciderà l’assenza di Marin? Chi può sostituirlo?

Non ho problemi a sostituirlo, ho due calciatori pronti a fare quel ruolo con l’attitudine e l’atteggiamento giusto. Vogliamo continuità e crescita dal punto di vista mentale per fare una partita di un certo valore. Chi gioca gioca farà una gran partita.

In attacco invece sta iniziando a recuperare tutti. Il problema è inverso ed è di abbondanza.. Arena a proposito, come sta?

Davanti stiamo cominciando ad essere un buon numero. Stando meglio diventerà solo una scelta tecnica e tattica in base all’avversario che andremo ad affrontare. Arena sta bene, veniva da un periodo di infortuni e non era tornato bene, si portava dietro un fastidio alla caviglia. E’ un giocatore che può fare il salto di qualità, prima mentalmente e poi sul campo. Lo abbiamo a disposizione.

In questo girone di andata che stiamo chiudendo cosa l’ha sorpresa in positivo e cosa in negativo?

Mi rendo conto principalmente che siamo in un campionato difficile. La regola secondo la quale si può vincere e perdere con tutti è un dato di fatto. Prendiamo il Lecco, che dopo di noi è andato a vincere contro Parma e Palermo. Se non si mette dentro tutto contro qualunque avversario diventa una categoria complicata, dove si bada al sodo e dove il risultato è determinante. Le squadre provano a raggiungerli in tutti i modi, le partite non finiscono mai e le squadre si adattano all’avversario potendo farti male in ogni momento. Ci stiamo abituando a questo, qualche schiaffo l’abbiamo preso e da questi schiaffi dobbiamo impararli. Questo mestiere è difficile, io faccio poco e niente. Siamo persone e uomini che si affidano ai calciatori. Un allenatore è in seconda linea, possiamo dare consigli, essere preparati più o meno bene tatticamente, ma è il giocatore che rende l’allenatore bravo.

 

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018