Dalla sala stampa dell’Arena Garibaldi il tecnico nerazzurro Alberto Aquilani anticipa i temi della trasferta di domani a Modena, valevole per la quarta giornata di campionato. Ecco le dichiarazioni del tecnico in conferenza stampa.

Come giudica il Modena?

E’ una squadra in salute e ha ottenuto vittorie importanti in questo inizio di campionato. Sarà una partita difficile e diversa rispetto al Parma e alla Sampdoria. Hanno concetti chiari, ma diversi dalle squadre che abbiamo affrontato. Vogliamo fare una grande partita.

Oggi è l’ultimo giorno di mercato, qual è il suo giudizio e cosa si aspetta?

Il mercato per me è stata la novità più grande. Quando allenavo i giovani tutte queste dinamiche non esistevano, per me è stato nuovo gestire e valutare, ma anche organizzare la squadra rispetto alle entrate del mercato o alle uscite. Non è stato semplice, il campo è più il mio elemento. La gestione esterna più complessa. Penso sia stato fatto un buon mercato, siamo contenti e soddisfatti.

Vignato è praticamente un calciatore del Pisa. Cosa ne pensa?

Vignato è un giocatore importante, lo conosco e lo seguo da diversi anni. Ovviamente non è una pezza, abbiamo sostituito un giocatore come Tramoni con un altro giocatore di altrettanta qualità e importanza.

Barberis potrebbe essere convocato?

Viene con noi perché siamo in pochi, ma si sta allenando. Vuole stare all’interno del gruppo, la sua condizione è in evoluzione e pensiamo che portarlo sia una cosa giusta.

Moreo come sta?

Non era disponibile col Parma, è venuto in panchina solo per una situazione di emergenza. Si è allenato in questi giorni, sta bene ed è pronto. Domani può giocare

Come ha lavorato la squadra dopo la sconfitta col Parma?

Il giorno dopo Pisa-Parma è stato tosto, ci ha fatto male perdere in questo modo. Ho avvertito però la consapevolezza che i ragazzi avessero fatto una grande partita, che voleva recuperare la partita facendo quello che stiamo facendo in allenamento. Il pareggio lo abbiamo meritato. Il risultato poi ci ha penalizzato e mi auguro che la rabbia che c’è stata dopo la partita ci sia di aiuto contro il Modena.

In cosa è diverso il Modena rispetto alle altre squadre che avete affrontato?

E’ diversa nella disposizione in campo, hanno giocato con un rombo a centrocampo cercando più densità in mezzo al campo. I concetti e i principi sono diversi e ci dobbiamo preparare con palla e senza palla.

Cosa ne pensa invece di Mlakar?

Si è messo a disposizione e ci ha dato una grossa mano. Il ragazzo è intelligente e umile.

Caracciolo e Torregrossa come stanno? Se arriva l’ufficialità Vignato può giocare domani?

Mi auguro che arrivino dopo la sosta, Caracciolo è più avanti rispetto a Torregrossa, ma non aveva senso rischiarli per domani. Non ci saranno così come anche Esteves e Tourè, non li avremo e torneranno dopo la sosta.  Vignato è un calciatore forte e per me conta più di ogni altra cosa. Siamo una squadra che si adatta alle sue caratteristiche, se riusciamo a tesserarlo può venire a darci una mano.

Tornando sugli errori di Parma, come li aveva affrontati?

Noi vogliamo fare un calcio aggressivo e ciò ci porta ad andare spesso uno contro uno con l’avversario, cosa che va fatta in maniera intelligente con una pressione fatta bene. Contro il Parma Leverbe Jureskin hanno fatto degli errori, dietro dobbiamo essere più attenti a capire cosa fare per ridurre al minimo la pericolosità dell’avversario.

Ritiene di aver in mano una Ferrari?

Non so se è una Ferrari, ma posso garantire che ho a disposizione una squadra che mi piace e che lavora in modo giusto. Il resto lo dirà il campo.

Cosa rappresenta la vittoria dell’under 17 nel Nereo Rocco?

La vittoria nel settore giovanile non è la priorità, ovviamente si gioca sempre per vincere, ma nella valutazione dei ragazzi conta anche come si è arrivati a vincere. Logicamente la vittoria con la Fiorentina rappresenta una soddisfazione importante.

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018