Dalla sala stampa del Liberati di Terni il tecnico Alberto Aquilani coi calciatori Masucci e Caracciolo commentano il pareggio contro la Ternana. Di seguito le loro dichiarazioni.

Aquilani:Per come la squadra ha giocato e ha mostrato personalità oggi meritavamo di vincere. Ci manca quello step di ammazzare la partita e volerla portare a casa purtroppo. Il punto fuori casa è importante e fa comodo, ma io oggi penso e credo fortemente che la squadra doveva vincere la partita. Ovunque siamo andati abbiamo fatto la nostra parte, già da un po’ stiamo facendo quello che chiediamo e paradossalmente con l’Ascoli avevamo fatto meno e abbiamo vinto, mentre oggi invece da questo punto di vista la partita avremmo dovuto vincerla e non è stato così. A livello di gioco proponiamo tanto, ma tanto ormai i discorsi sono sempre quelli. Serve quello step in più per vincere. E’ un po’ che lo diciamo, oggi è l’ennesima dimostrazione che non meriteremmo questa classifica. Dobbiamo fare e andare avanti perché questo è il calcio”.

Caracciolo: “Oggi ci mancano i tre punti e ce l’abbiamo messa tutta per vincere. Nel 2024 vogliamo cambiare questo trend e portare anche il culo, il trend e il var dalla nostra parte. Dobbiamo prendere più fiducia e più autostima, così riusciremo a migliorare sotto tutti gli aspetti. In passato una partita così l’avremmo persa, invece lo spirito e la voglia di fare qualcosa di diverso c’era. Continuiamo così. Abbiamo un reparto difensivo molto importante, Canestrelli è il più giovane ed è il primo anno che sta dando continuità. Molto dipenderà anche da lui e dalla sua testa. La cattiveria ce l’ha e io cercherò di dargli il mio appoggio”.

Masucci: “Chiudiamo l’anno e speriamo che questa situazione negativa si conclude definitivamente con il 2023. Abbiamo giocato molto bene oggi, l’impressione di compattezza, solidità e ritmo oggi c’erano tutte. Purtroppo parliamo di pochi punti conquistati in classifica ed è questo quello che dobbiamo svoltare da gennaio. C’è rammarico per i due legni di Moreo, purtroppo gli episodi non girano a nostro favore. Dobbiamo pretendere comunque da noi di più, ma è anche una questione mentale. Sono convinto che nel girone di ritorno la situazione cambierà. So che questa squadra ha dei valori umani e lo dimostrerà anche durante il mercato. Siamo tutti professionisti.”

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018