Terza sconfitta di fila per i nerazzurri, che sbattono addosso a un Chievo impeccabile in difesa e abilissimo a partire in contropiede, che la squadra di D’Angelo subisce tutta la partita. I clivensi passano in vantaggio al 3′ con Garritano, poi nella ripresa arriva la rete di De Luca che chiude definitivamente i conti. Poco incisivo il Pisa e anche molto impreciso, dato che, per tutta la partita, non inquadra mai lo specchio della porta e si sveglia seriamente solo dopo aver subito il secondo gol, trovando un solo tiro in porta nel recupero con Sibilli. I nerazzurri buttano via in tre partite (due in realtà, visto il ladrocinio di Lecce), le ambizioni playoff, passando da un punto di distacco a 7 (con una partita in meno), trovandosi addirittura a dover affrontare, nelle prossime gare, scontri diretti per la salvezza con Cosenza e Pordenone oltre, in mezzo a due sfide durissime con Venezia e Frosinone.

Comincia il tour de force finale per i doppi obiettivi per il quale il Pisa è ancora in lizza, dalla salvezza, passando per le ultime chance di giocarsi le proprie carte per i playoff. Per farlo D’Angelo recupera quasi tutti, ma deve rinunciare all’ultimo a Luca Vido, ufficialmente out per affaticamento muscolare, col giocatore che è fuori per precauzione. Poche chance, invece, di rivedere prima della fine del campionato Varnier e Masucci, che stanno ancora lavorando in maniera differenziata in fisioterapia. In campo D’Angelo schiera il 3-5-2 con Caracciolo, De Vitis e Pisano davanti a Gori, per la linea a tre difensiva, mentre sulle fasce spazio a Birindelli e Lisi, con il trittico di centrocampo formato da Marin, Mazzitelli e Siega, in posizione più avanzata e dietro le due punte Marsura e Marconi. Il motivo centrale del primo tempo è una diretta conseguenza di un errore della difesa nerazzurra, con Pisano, specialmente, tra i più in difficoltà. A segnare la rete del vantaggio è Garritano al 3′, dopo una respinta di Gori su Canotto. Il Pisa a quel punto prova, per tutto il primo tempo, di uscire dalla propria metà campo e di attaccare gli avversari, ma tutte le volte che la squadra di D’Angelo si affaccia vicino l’area, arriva puntuale il contropiede dei padroni di casa che hanno le occasioni più importanti della partita. Nella ripresa pochissime occasioni da una parte e dall’altra, la migliore delle quali capita sui piedi di De Luca che finalizza l’ennesimo contropiede e chiude i conti. Il Pisa si sveglia tardissimo, ma non riesce neanche ad accorciare le distanze, trovando un solo tiro in porta nel recupero con Sibilli. Da questa gara i nerazzurri ne escono nuovamente ridimensionati e devono tornare a guardarsi dietro in classifica.

PRIMO TEMPO – Inizia subito in salita la partita del Pisa con il Chievo che passa in vantaggio al 3′. L’azione è rapida e letale con Mogos che imbecca Canotto, il centrocampista va al tiro, Gori respinge di pugno, ma il pallone va sulla testa dell’uomo più pericoloso, Garritano, che trova il gol a porta vuota. Risponde il Pisa all’8′ con Pisano che, rimasto in attacco nel corso di un’azione offensiva, riceve palla da Marsura, ma di testa la spedisce alta. All’11’ scivola Pisano, canotto ne approfitta e va al tiro, ma De Vitis devia in calcio d’angolo. Sul conseguente corner nerazzurri in affanno, Obi appoggia di testa, ma Mogos non riesce ad arrivare all’appuntamento col pallone. La difesa, in questa occasione si lascia sfuggire ben due giocatori ed è aiutata dalla fortuna. Al 13′ Mazzitelli, su punizione, sfiora la traversa con una conclusione violenta dai 25 metri. Al 18′ Birindelli discende sulla fascia velocemente, si incunea in area, poi la mette in mezzo per Marconi, ma Semper chiude la porta. Al 19′ Canotto brucia ancora Pisano, entra in area, ma poi Gori, di piede, respinge, salvando tutto. Al 20′ Marconi calcia un violento sinistro che sfiora il palo alla destra di Semper. Al 27′ Gori compie un doppio miracolo incredibile su un contropiede del Chievo potenzialmente letale. Prima l’estremo difensore respinge un diagonale di Obi, poi sulla respinta, da due passi, manda in angolo un tiro di Djordjevic a botta sicura. Sul conseguente corner il Chievo colpisce la traversa con Leverbe, ma il pallone esce alto. Il Pisa però si espone troppo al contropiede, subendo molto speso gli inserimenti dei padroni di casa. I ritmi si abbassano dopo la mezzora, ma il refrain della gara resta sempre lo stesso e i nerazzurri non riescono a penetrare la difesa avversaria.

SECONDO TEMPO – La forte pioggia non condiziona più di tanto il terreno di gioco, mentre i primi minuti della ripresa vanno via velocemente, con molti duelli in mezzo al campo. Al 55′ il Pisa cambia schema con una difesa a quattro, rilevando Pisano con Sibilli e Marconi con Gucher, che diventa lo straniero (con 153 presenze in tutte le competizioni) con il maggior numero di presenze in nerazzurro. Risponde il Chievo con Di Gaudio e De Luca che entrano, al 62′, al posto di Djordjevic e Fabbro. Occasioni però non se ne vedono e il Pisa butta in campo altri due giocatori, inserendo Palombi e Beghetto, per Siega e Lisi. Al 71′ chiude i conti il Chievo con De Luca, che sfrutta l’ennesimo contropiede a favore dei padroni di casa. Al 75′ il Pisa è anche sfortunato colpendo un palo con Sibilli, dopo un lancio al bacio di Gucher. Un minuto dopo ci prova dalla distanza anche Beghetto, ma non trova la porta. A parte sporadiche azioni da gol, la cronaca si limita al descrivere i cambi, con il Pisa che li chiude all’83’ quando inserisce Mastinu al posto di Marsura. L’ultimo di una serie di gialli in partita è per De Vitis che salterà la prossima partita. Ci prova nel finale Sibilli, il più attivo, ma non c’è niente da fare. Termina così la partita.

TABELLINO CHIEVO-PISA
Chievo: Semper; Mogos, Leverbe, Gigliotti, Cotali; Canotto (80′ Ciciretti), Palmiero (80′ Bertagnoli), Obi, Garritano; Djordjevic (62′ De Luca), Fabbro (62′ Di Gaudio). A disposizione Seculin, Bragantini, Pavlev, Rigione, Zueli, Viviani, Giaccherini, Margiotta. All. Aglietti.
Pisa: Gori; Pisano (55′ Sibilli, De Vitis, Caracciolo; Birindelli, Siega (69′ Palombi), Marin, Mazzitelli, Lisi (69′ Beghetto); Marsura (83′ Mastinu), Marconi (55′ Gucher). A disp. Perilli, Loria, Benedetti, Meroni, Quaini, Soddimo. All Taddei.
Arbitro: Ros di Pordenone
Reti: 3′ Garritano, 71′ De Luca
Ammoniti: Palmiero, Fabbro, Mazzitelli, Marsura, Siega, Cotali, De Vitis
Note: Recupero 0 pt, 4′ st

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018