A fine gara parlano il presidente Corrado, mister D’Angelo e i calciatori Brignani e Lisi. Ecco le loro dichiarazioni dopo Parma-Pisa di Coppa Italia

Visibilmente soddisfatto il presidente Corrado: “Questa vittoria significa aver passato il turno contro una squadra di Serie A che sono sicuro si farà valere in campionato. Per me era una soddisfazione riuscire ad arrivare qui, vincere vuol dire giocare un’altra partita. La soddisfazione più grande è aver visto i tifosi arrivare così numerosi. La Curva ha dimostrato ancora una volta che ha grande sensibilità. Qualche anno fa tentai di non fare andare il Parma in D, ma poi quel progetto non si concretizzò. Non ho mai goduto sulle sconfitte degli altri, ma solo per le vittorie della mia squadra. Conosco gran parte degli imprenditori che hanno messo su il progetto Parma, è un tessuto industriale che merita una squadra a questi livelli, come la merita Pisa che non conoscevo come tifoseria, ma come città. Mi sono reso conto che il DS, mio figlio e l’allenatore avevano le idee chiare su come operare. Chi deve uscire deve liberare dei posti in lista. Di Brignani mi ha parlato bene Filippo Inzaghi. L’anno scorso avevamo la soluzione De Vitis in casa, ma nessuno ci aveva pensato. Il caos del calcio italiano? Qui tutti chiedono e nessuno dà, forse chiederemo anche noi di scavalcare una categoria e fare la Serie A. La FIGC deve dare un segnale forte.”

Prime parole per il nuovo acquisto Brignani: “Sono contento, significa che siamo sulla squadra giusta. Dopo la primavera il salto subito in Serie A sapevo che era difficile, è giusto fare esperienza qui. La storia del Pisa parla da sola, ho avuto subito pochi dubbi per il prestigio della società. “

Poi tocca a Lisi, determinante con Zammarini sulle fasce: “Brignani ci darà una mano, siamo contenti del suo arrivo. Pisa è una piazza importante, non merita la Serie C e quest’anno ce la metteremo tutta per i tifosi. Mi sono messo a disposizione oggi cercando di mettere in difficoltà anche dietro i giocatori avversari, sono molto contento. L’allenatore chiede e noi cerchiamo di mettere in atto le sue direttive. La squadra a livello fisico c’è, anche io personalmente mi sento bene e speriamo di continuare così. Secondo me siamo una squadra forte e dobbiamo continuare a fare quello che ci dice il mister.” 

L’ultimo a parlare è mister D’Angelo: “Oggi abbiamo fatto molto bene a prescindere dal risultato. Sull’1-0 abbiamo avuto almeno 4 palle gol clamorose. I ragazzi hanno giocato una grande partita, a Parma non si vince se tutti non rendono al massimo. Abbiamo bisogno di lavorare tanto, ora faremo 2-3 giorni di riposo e dopo ci concentreremo, dal 16 di agosto sul lavoro, quindi nel fine settimana giocheremo un triangolare con Viareggio e Camaiore.”

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018