Il presidente Corrado ha fatto il punto, a margine della conferenza stampa di presentazione del nuovo sponsor del Pisa femminile, su centro sportivo e Arena Garibaldi, raccontando tanti dettagli in merito.

Presidente, a che punto siamo col centro sportivo?
“È partito il progetto finale dell’architettura del centro sportivo, mancano quelle quattro-cinque situazioni di carattere burocratico, ma solo perché i tempi tecnici non lo permettono. Se alla fine i vari tecnici e geometri che ci stanno supportando, credo che alla fine dell’anno si possa mettere la sigla finale e partire coi lavori. Se poi ci si mette 12-14 o 16 mesi per finirlo completamente, non vuol dire che per l’inizio dell’estate 2022 non ci si possa già allenare. Il lavoro sarà sicuramente fatto per fasi”.

Il progetto verrà mostrato alla gente?
“Con la fine dell’anno potrebbe essere un’idea, coinvolgendo chi ci sta seguendo. Sicuramente faaremo alla fine dell’anno una conferenza stampa per farlo vedere”.

C’è stato bisogno di una variante urbanistica per il centro sportivo?
“Si sta trasformando l’area da agricola a sportiva, ma sono aspetti facili dal punto di vista gestionale e non ci sono ostacoli di nessun tipo. La zona verrà anche risanata e il quartiere sarà felice di far confluire tanti ragazzi”.

Ci dica qualche dettaglio sul progetto del centro sportivo. È vero che verrà realizzato un campo dedicato per la Primavera con una tribuna?
“Sì, il campo verrà realizzato adeguandolo alle norme Uefa e una tribuna da 1000 spettatori. Se l’Arena non dovesse essere agibile a porte chiuse per qualsiasi motivo, il campo centrale di Gagno potrà ospitare anche le gare del Pisa. Sarà un piccolo stadietto”.

E lo stadio?
“Il progetto esecutivo dello stadio sarà finalizzato una volta che si metterà mano al centro sportivo, poiché alcune aree precedentemente previste all’Arena, saranno realizzate a Gagno”.

Se il campionato finisse oggi, ci sarebbero problemi con lo stadio?
“Dovremo solo fare qualche adeguamento, ma potremmo giocarci. Alcune delle regole previste per il var le abbiamo adeguate, l’illuminazione è a posto, i seggiolini anche, le vie di accesso aumenteranno, ma una volta iniziati i lavori sarà tutto più definito”.

Esiste una deroghe per chi inizia i lavori?
“Credo di sì perché una volta prevista l’apertura dei lavori e il progetto esecutivo si avranno delle deroghe”.

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018