Scialbo 0-0 tra Pisa e Cuneo con i neroazzurri che impattano contro una squadra “ammazzagrandi”, capace di battere Carrarese e Alessandria e fermare Piacenza, Novara, Arezzo e oggi Pisa. Dopo un primo tempo impalpabile per la squadra di D’Angelo e senza tiri in porta, nella ripresa la formazione neroazzurra si rende più pericolosa, ma sbatte sul muro della difesa piemontese. Nel finale viene espulso Brignani per doppia ammonizione e Bobb colpisce un palo su punizione. Il campionato adesso osserverà tre settimane di pausa in cui intervenire sul mercato per migliorare un settimo posto in classifica non certo esaltante.

Ultima gara del 2018 per i neroazzurri di scena a Cuneo per la prima giornata del girone di ritorno. Il Cuneo è una squadra “ammazzagrandi” che ha già fermato Piacenza, Novara e Arezzo, imponendosi nettamente su Carrarese e Alessandria. D’Angelo deve rinunciare ad alcuni effettivi come Liotti, Marconi e Meroni, quest’ultimo squalificato, mentre i primi due infortunati. Recuperato all’ultimo minuto Masi al centro della difesa, questo ha permesso al mister di mettere a centrocampo De Vitis, più solido e con un po’ meno di fantasia del solito. Si deve accomodare in panchina infatti Di Quinzio, mentre la coppia d’attacco scelta è composta dal tandem Moscardelli-Masucci. In campo nel primo tempo l’unica conclusione del Pisa è un tiro di Gucher da 35 metri che termina alle stelle, poi i neroazzurri non si avvicinano mai in area di rigore avversaria, mentre minuto dopo minuto i padroni di casa crescono di intensità. A fine primo tempo è già tempo di riordinare le idee per cambiare rotta nella ripresa. Nella ripresa il Pisa ha una reazione mettendo alle corde il Cuneo per una buona mezz’ora, poi la gara si addormenta di nuovo fino ai minuti finali quando Brignani viene espulso. Quattro le occasioni da gol nella ripresa per il Pisa che non le sfrutta: la più clamorosa sui piedi di Moscardelli che calcia addosso al portiere avversario e di De Vitis con un colpo di testa nel recupero. Termina così la partita. Adesso tre settimane di pausa nei quali intervenire principalmente sul mercato per migliorare una posizione di classifica non certo esaltante. Intanto il campionato ha una nuova capolista con la Pro Vercelli che ha battuto il Piacenza nello scontro al vertice, con gli stessi punti e una partita in meno.

I tifosi del Pisa accorsi a Cuneo (Foto Bianchi)

PRIMO TEMPO – I primi minuti, di studio, sono caratterizzato per lo più da un gioco fisico con numerosi contrasti in mezzo al campo. La prima conclusione è di Gucher all’11’, ma il suo tiro dalla distanza è altissimo sopra la traversa. Risponde il Cuneo poco dopo con Marin che dai 30 metri calcia centralmente con Gori che fa sua la sfera dopo una deviazione difensiva. Al 23′ Castellana val alla conclusione, ma Gori blocca sicuro. Al 26′ Defendi guadagna un calcio di punizione dal limite per un fallo di Buschiazzo. Il calcio piazzato battuto da Suljic viene respinta da una selva di gambe, con Gori che si salva conquistando il pallone in area. Al 30′ Paolini di testa colpisce debolmente e ancora una volta Gori blocca facilmente. Pisa in grave difficoltà con il Cuneo che continua ad attaccare. Al 42′ Suljic pesca Santacroce che di testa mette dentro, ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Termina così un primo tempo con più Cuneo che Pisa.

Cuneo e Pisa prima dell’inizio della partita (foto Bianchi)

SECONDO TEMPO – Dopo pochi minuti del secondo tempo si fa male Masucci. D’Angelo allora opta per il doppio cambio inserendo Cernigoi e Di Quinzio per Masucci e Marin. Al 60′ Cristini regala palla a Moscardelli che tutto solo calcia addosso al portiere divorandosi un gol già fatto. Al 66′ mischione in area di rigore: tra una selva di gambe il Pisa ottiene un corner. I neroazzurri iniziano a spingere forte e poco dopo Gucher si gira dal limite e calcia verso la porta, ma Marcone fa sua la sfera. Al 70′ Lisi stoppa in area e calcia al volo, ma Marcone mette in corner. Al 73′ di testa Romanò non impegna Gori con il pallone che ha una traiettoria per la verità molto telefonata. All’88’ viene espulso per doppia ammonizione Brignani, con il Cuneo che spinge per tentare il colpaccio nel finale. All’89’ Bobb colpisce il palo con una punizione violentissima e il Pisa si salva. Al 90′ De Vitis viene pescato da Di Quinzio, ma il suo colpo di testa viene neutralizzato da un ottimo Marcone, tra i migliori della partita.

TABELLINO CUNEO-PISA 0-0
Cuneo: Marcone; Castellana, Tafa, Santacroce, Cristini, V. Marin; Bobb, Suljic (72′ Arras), Paolini; Defendi (62′ Jallow), Gissi (72′ Romanò).  All. Scazzola
Pisa: Gori; Masi, Brignani, Buschiazzo; Birindelli (78′ Zammarini), M. Marin (55′ Di Quinzio), Gucher, De Vitis, Lisi; Moscardelli, Masucci (55′ Cernigoi). All. D’Angelo
Arbitro: Rutella di Enna
Ammoniti: Moscardelli, Gissi, Gucher
Espulso: Brignani per doppia ammonizione

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018