Christian Langella, calciatore del Pisa in prestito al Bari, è stato nostro ospite telefonico nel corso della puntata numero 48 di Finestra sull’Arena. Già primo calciatore “millennial” ad esordire in maglia neroazzurra, Langella ha segnato 2 gol in 15 partite con la maglia del Bari contribuendo alla prima posizione dei pugliesi in D fino a questo momento. Rivedi la puntata e rileggi le parole di Langella.

Stai facendo un grande campionato con un Bari imbattuto e Langella che ha segnato due gol. Come ti trovi?

Mi trovo molto bene, sia per quanto riguarda l’ambito calcistico, sia fuori. Sto trovando abbastanza spazio, è una bella esperienza per ora.

La rete di Langella contro il Gela

È un ambiente quasi simile a quello di Pisa, perché sono due piazze che chiedono tanto. Come la senti questa responsabilità?

Sì, sono due piazze calde e importanti. Io cerco di dare il massimo che posso dare rimanendo con i piedi per terra.

Descrivici il tuo gol che è diventato una rete da copertina contro il Gela

Non ci ho pensato due volte, come l’ho stoppata bene ho calciato. È stata una grande emozione, non mi era mai capitato di segnare un gol così importante.

Hai già esordito anche in maglia neroazzurra. Ti sei scelto una carriera di sacrifici, com’è stare lontano da casa?

Sì, stare lontano da casa non è facile, ma bisogna fare dei sacrifici che alla lunga potrebbero non essere ripagati, ma l’impegno dev’essere costante.

La maglia numero 33 con cui Langella esordì in neroazzurro. A Bari indossa lo stesso numero

Cosa ne pensi del campionato del Pisa?

A parte alcuni passaggi a vuoto sta facendo bene, sono sicuro che farà un gran campionato di ritorno

Stare a Bari in D non è come stare davvero in D

Sì, è una Serie D per modo di dire, la preparazione e la settimana è tutto tranne che quella di una categoria dilettantistica.

Che media spettatori avete?

Abbiamo una media di 12mila spettatori

C’è anche Brienza in rosa, come si sta accanto a un mostro sacro del calcio di provincia?

Ciccio è un grande esempio per me, a noi giovani dà sempre molti consigli e sono fortunato a giocare con gente come lui.

Un gruppo unito, il Bari sta dominando da imbattuto il campionato di Serie D

Quanto sentite vicino patron De Laurentiis?

È una proprietà molto presente, si fanno spesso sentire, anche alla cena di Natale l’abbiamo fatta tutti insieme, pensano a tutti i nostri bisogni, non ci possiamo lamentare

Che rapporto hai col mister?

È un martello, è un allenatore che chiede tanto e dà anche tanto, l’ideale per la crescita di un calciatore.

 

Si ringrazia l’addetto stampa del Bari Valeria Belviso per la disponibilità

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018