Ecco le dichiarazioni del tecnico nerazzurro e dei giocatori Siega e Birindelli dopo il pareggio dell’Arena Garibaldi contro l’Empoli.

D’Angelo: “Anche con la Salernitana avevamo fatto una grande partita e anche oggi, con la squadra ben messa in campo, avremmo potuto vincere perché abbiamo avuto tante occasioni per raddoppiare. L’Empoli aveva preso campo nel secondo tempo, ma tutte le volte che abbiamo attaccato siamo stati pericolosi. C’è stato un tiro a botta sicura di Marconi, un colpo di testa di Varnier salvato con la linea e tante occasioni per noi. Ci sta però che una squadra come l’Empoli anche con poche occasioni, riesca a pareggiare. Creiamo molto ma siamo anche sfortunati, visti i pali colpiti. Il nostro è un ottimo cammino, anche se le partite hanno una storia a sé stante, cambiano e si modificano al loro interno. Dobbiamo pensare già al prossimo impegno, tenendo presente che oggi abbiamo disputato una grande prova. Premettendo che Manganiello abbia arbitrato benissimo, su un colpo di testa di Vido mi è sembrato ci fosse stato un tocco di mano di Nikolaou, ma l’arbitraggio è stato impeccabile. Ha fatto bene Gucher a Monza e anche oggi è stato molto pericoloso, bravo nel gioco di rottura con Stulac. Eravamo un po’ stanchi con Mazzitelli, ho pensato di rinforzare il centrocampo con Marin, così come Belli per Birindelli, volevo un giocatore più forte nella parte difensiva, perché aveva preso campo l’Empoli, Vido è entrato molto bene e ha avuto una doppia occasione per far gol, Mastinu ho deciso di inserirlo perché non volevo abbassarmi e Quaini è stato prezioso. Per ambire all’alta classifica cosa manca? I punti perché siamo indietro, ma noi stiamo facendo bene a livello di rendimento. Meriteremmo qualche punto in più, mi sento di dirlo, ma ora dobbiamo pensare alla gara di sabato pomeriggio col Vicenza”.

Birindelli: “In passato ho giocato come esterno alto nelle giovanili del Pisa, mi è sembrato di tornare indietro nel tempo, nei giovanissimi. Quando sono arrivato lì non ci ho pensato due volte ed è andata bene. Visto che non c’era il derby col Livorno ho pensato di segnare in questo, era una gara comunque sentita anche in casa, visto il passato di mio padre ad Empoli. Sapevamo che quelle precedenti erano gare difficili, con questa sono tre le gare affrontate nel migliore dei modi contro le big del campionato. Noi siamo stati bravi e dispiace essere stati rimontati, ma mi è dispiaciuto di più con la Salernitana, perché eravamo stati superiori, oggi invece è stata una gara equilibrata e sofferta, ci stava, un punto buono che ci teniamo stretto. Penso ancora di guardarmi alle spalle in classifica, quelli dietro stimolano a far meglio, ma bisogna anche dare una sbirciatina davanti per sapere dove si può arrivare. Avremmo potuto fare più punti di quelli che abbiamo fatto, ma le prossime gare non dobbiamo mollare e saranno ugualmente difficili, l’aspetto mentale conterà moltissimo. Dobbiamo stare sempre sul pezzo e concentrati, siamo tanti e tutti bravi, ci sarà bisogno di tutti, questo sarà importante, essere tutti pronti”.

Siega: “Quella di oggi è stata una bella partita, l’abbiamo interpretata molto bene, attenta in ogni zona del campo. C’è un po’ di rammarico per il gol subito e le occasioni avute, ma abbiamo affrontato una squadra importante. Pensiamo subito al prossimo impegno. Siamo riusciti ad andare in vantaggio con Samuele, lui è stato bravo a capitalizzare l’azione. Io cerco di dare sempre il massimo. Usciamo da questo trittico di gare benissimo, imbattuti, affrontando squadre di livello importante. Guardiamo sempre in casa nostra, ma sono convinto che possiamo lottare con chiunque. Il nostro primo obiettivo è quello di raggiungere la salvezza, la Serie B è sempre stata questa, non dobbiamo abbassare la guardia con nessuno.”

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018