Il tecnico del Pisa D’Angelo e i giocatori De Vitis e Gucher hanno risposto alle domande dei tifosi da Storo. Di seguito le loro dichiarazioni. Gli ungheresi dell’ETO Futball Club Gyor sono invece partiti per il Trentino dove domani affronteranno il Pisa nell’ultima amichevole del ritiro dalla Valle del Chiese. Infine il calciomercato, con Eusepi che continua a tenere banco, mentre il Pisa è in attesa di ufficializzare gli innesti già aggregati del mercato e di far partire altri giocatori.

Partecipato momento tra tifosi e calciatori a Storo (Foto Pisachannel)

D’ANGELO – Queste le parole del tecnico nerazzurro, che ha parlato di mercato, per poi spaziare su altri temi: “In queste ultime due settimane stiamo ricalcando il modulo del 4-3-1-2, ma giocheremo anche con il 3-5-2. I moduli base saranno questi due perché credo si adattino meglio alle caratteristiche dei nostri giocatori. Il mercato è molto lungo e non bisogna avere fretta. Bisogna scegliere con oculatezza i giocatori da mettere dentro un gruppo. Devono essere forti dal punto di vista umano e tecnico. Qualcosa faremo, ma nelle prossime due settimane penseremo principalmente a sfoltire, poi penso che la società non si tirerà indietro se ci sarà da prendere qualcuno. De Vitis ha una qualità importantissima, quella di saper giocare dietro e a centrocampo. Quando ci sarà bisogno giocherà in difesa e quando ci sarà bisogno a centrocampo. Del pubblico pisano mi emoziono ogni volta. A Trieste ho detto ai ragazzi che giocavamo in casa più che in trasferta, questo dimostra quello che penso. Il ritiro è importante. Allenarsi è determinante per il prosieguo della stagione. Ad altissimi livelli penso che anche i grandi allenatori che son costretti a fare le tourneé all’estero se potessero farebbero il ritiro. L’aspetto motivazionale che può dare un ritiro diventa fondamentale rispetto ad altre situazioni.”

DE VITIS E GUCHERGucher ha ricordato la rete di Trieste e si è concentrato sui derby della prossima stagione: “Il gol di Trieste è stato molto emozionante, il fatto che l’abbia fatto io è secondario. Ma ci ha permesso di vivere in maniera più tranquilla. La L dopo il gol? Per la mia ragazza. Ci sposeremo l’anno prossimo. Era però anche per Lisi che non ha partecipato alla finale, ma la viveva dalla tribuna. Il gesto nel derby col Livorno? In realtà mi sono anche scusato e non è una cosa che bisogna ripetere. I derby toscani sono tanti quest’anno e danno tanto spettacolo e bisogna viverli dentro e fuori dal campo. Speriamo in un grande spettacolo.” Per De Vitis una rapida battuta invece, sulla sua situazione fisica: “Io sto bene, ho avuto solo un affaticamento contro il Bari e ho preferito non rischiare. Prima dell’inizio del campionato c’è tempo, mi riprenderò senza dubbio. “

Gli ungheresi dell’ETO Gyor

GLI UNGHERESI DELL’ETO GYOR – Domani gli ungheresi dell’Eto Gyor, squadra che milita nella Serie B ungherese, nobile decaduta del calcio magiaro che vanta una qualificazione alle semifinali di Champions League nel 1965, affronteranno i nerazzurri. Attraverso il proprio profilo social la società ha ufficializzato i nomi dei 16 convocati che sono partiti questa mattina alla volta di Storo: Horváth Tamás, Gyurákovics Erik, Kovács Krisztián, Vukasovic Marko, Dvorschák Gábor, Vári Barnabás, Bagi István, Marius Charizopulos, Szánthó Regő, Szimcso Viktor, Andric Nemanja, Domonkos Kristóf, Tar Zsolt, Vashkeba Vasil, Gránicz Patrik, Horváth Zoltán.

Il gol dell’1-0 di Eusepi contro il Livorno (Foto Andrea Valtriani)

CALCIOMERCATO ED EUSEPI – Assente dal ritiro, fin dall’inizio, Eusepi è ormai diventato un peso per la società nerazzurra, che sta facendo di tutto per cederlo. Il calciatore ha anche rifiutato alcune soluzioni in prestito da squadre di primo piano in Serie C, tra cui il Catanzaro, mentre continua il pressing del Siena. Il Pisa però adesso starebbe anche valutando una soluzione “definitiva”, considerando che il contratto che lo lega ai nerazzurri scade nel 2021. Ecco che la società ha pensato a due ipotesi scambio. La prima con un vecchio pallino di Giovanni Corrado, Alessio Curcio, che oggi milita nel Vicenza, ma che Corrado segue dai tempi in cui giocava con l’Arzachena. La seconda è un’ipotesi ventilata dal giornalista Alfredo Pedullà, in fase addirittura più avanzata, con Strambelli che andrebbe in nerazzurro ed Eusepi alla Reggina. L’affare MarinPinato intanto ha assunto la portata di un maxi scambio. Meroni infatti potrebbe essere acquistato dal Sassuolo che, assieme a Marin e Pinato, lascerebbe lo stesso Meroni in prestito per un’altra stagione al Pisa e farebbe tornare Giani a Pisa dove potrebbe essere impiegato in Primavera. Sul fronte partenze, certe le cessioni, a titolo definitivo o in prestito di Zammarini, Nacci e Langella. Si lavora anche sul fronte Izzillo che è seguito dal Trapani e dal Monza, mentre il Novara vuole Pesenti. La società in queste due settimane che seguiranno farà il minimo indispensabile in entrata, mentre si concentrerà prevalentemente sul mercato in uscita.

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018