Alla vigilia dell’importante sfida di campionato alla capolista Virtus Entella, mister Luca D’Angelo ha parlato ai giornalisti dalla sala stampa dell’Arena Garibaldi. Ecco le sue dichiarazioni.

Facciamo un passo indietro. Il presidente della Pro Vercelli ha definito quasi una caccia all’uomo la partita del Pisa dal punto di vista fisico, arrivando a chiedere la tutela per i propri calciatori.

Dal campo non mi è sembrato un intervento duro su Germano, si è trattato di un intervento normalissimo di gioco fatto da Di Quinzio, che non è un giocatore temperamentale e che fa del contrasto la sua arma di gioco. E’ stato solo questo, nessuna idea iniziale di picchiare i giocatori della Pro Vercelli. Morra l’ho anche allenato e mi è dispiaciuto per l’infortunio, ma non c’è stato nulla di malevolo.

Forse il presidente della Pro Vercelli ha voluto preparare la gara di ritorno..

Io questo non lo so, ma ho voluto rivedere le immagini che testimoniano siano stati tutti interventi di gioco.

Con l’Entella sarà un’altra gara difficile

Sì, l’Entella e lo dice il campo, ha giocatori di grande caratura tecnica. Non è imbattibile perché nessuna squadra lo è, soprattutto in C. Ma dovremo fare certamente una partita di valore se vogliamo vincere. All’andata perdemmo 2-0, ma era troppo ampio il divario numerico di gol in quella gara. Ogni gara ha la sua storia.

Il Pisa è in serie positiva di tre partite. Se le cose non andavano bene aveva detto che sarebbe stata colpa sua. Vale anche il contrario?

Sì, ovviamente, ma io credo che alla fine i protagonisti assoluti siamo sempre i calciatori. Stava a me dire quella frase in quel momento, ma non sta a me dire oggi quanto merito ho. Abbiamo un bellissimo spogliatoio e va dato atto ai ragazzi di aver creato un gruppo coeso. 

La squadra in che condizioni è?

Abbiamo un gruppo di giocatori straordinario. Ho un giocatore che mi dà un rammarico personale non schierarlo con continuità ed è Izzillo, probabilmente giocherebbe tutte le partite in una qualsiasi altra squadra del campionato. L’idea di farlo giocare dall’inizio ce l’ho sempre e sicuramente ora che avremo tre partite ravvicinate lo metterò in campo, mi mette sempre in difficoltà in allenamento. Ho uno spogliatoio che recepisce bene tutte le scelte.

Buschiazzo si è allenato?

Buschiazzo si è allenato e sarà a disposizione. Ci siamo praticamente tutti.

Parliamo della Virtus Entella

L’Entella gioca più di qualità e meno di impeto rispetto ad altre squadre. Giochiamo in casa e confermo che i cambi possono essere decisivi. Ma si vedrà una gara diversa da quella di Vercelli, si vedrà più una gara tecnico-tattica e non fisica. Vediamo chi sarà più bravo da questo punto di vista. Dobbiamo cercare di sfruttare anche il fattore campo, sappiamo che è una gara molto attesa dalla tifoseria e il sostegno sarà totale. 

In attacco hai recuperato Marconi, Pesenti lo sappiamo che è arrivato a gennaio e si nota una crescita generale. Domani avrai problemi a fare delle scelte.

Il discorso che facevo prima vale anche per gli attaccanti. Tutti la vivono abbastanza bene, abbiamo tantissime gare, solo in questa settimana ne abbiamo tre. Gli attaccanti sono quattro più Minesso e lo spazio non manca. 

Il Pisa in Coppa Italia affronterà la Viterbese. Cosa ne pensi?

Forse siamo più vicini a casa (ride ndr.). La Viterbese è una squadra forte e non ci è andata benissimo perché loro riposeranno prima dato che il Matera è stato escluso dal campionato. Le partite però le dobbiamo affrontare una alla volta. 

Lo spogliatoio come sta affrontando questi impegni?

Abbiamo una squadra esperta, non bisogna tenerli troppo su di morale e nemmeno tenerli troppo calmi. Sanno che quelli che stiamo affrontando sono impegni difficili e importanti. Non sono preoccupato.

A Vercelli, ma anche nelle ultime settimane, si è visto il miglior Gucher da due anni a Pisa. Quanto incide la presenza di Verna?

Sono due giocatori forti che si danno manforte a vicenda. Sono due giocatori completi, il centrocampo è sicuramente un nostro punto di forza. Lo testimonia il fatto che a volta in panchina siamo costretti a tenere giocatori di altrettanta qualità come Marin o Izzillo.

Liotti giocherà dall’inizio?

Ancora forse non è pronto a giocare dall’inizio, ma sicuramente potrebbe essere della partita. Sappiamo che è un giocatore troppo importante per noi.

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018