Dalla sala stampa dell’Arena Garibaldi, il tecnico dei nerazzurri D’Angelo anticipa i temi della prossima gara di campionato che andrà in scena domani contro la Virtus Entella di fronte ai giornalisti presenti.

Hai sempre detto che Marconi è un attaccante unico per il Pisa. Cosa cambierà adesso?

Unico nelle caratteristiche, non insostituibile. Non per sminuire la sua assenza, ma se guardiamo tutti i gol che ha fatto Marconi, sono venuti da un’idea di gioco complessiva della squadra. Detto questo il modo di giocare non lo cambiamo perché abbiamo chi può sostituirlo, forse non nelle capacità aeree, ma nel modo di giocare. Anche gli altri attaccanti hanno capacità di segnare in area.

C’è una fase di emergenza con tanti acciaccati. Gara che presenta qualche difficoltà in più.

Dobbiamo pensare che chi entrerà in campo dall’inizio e chi subentrerà potrà dimostrare una volta in più il proprio valore.

Chi sono i giocatori recuperabili? Chi mancherà?

Mancheranno Pinato, Marconi, Meroni, Varnier, Belli, Di Quinzio, Asencio, che ha una tendinopatia che non gli permette di allenarsi con continuità da quando è arrivato, e Izzillo. Masucci invece è a disposizione, l’abbiamo recuperato alla fine. Verranno anche Giani e Sibilio, tra i più promettenti del nostro settore giovanile. Giani ha grandi qualità totalmente inespresse, solo per responsabilità sua. Se non fa il giocatore è solo per colpa sua, dipende tutto da lui.

L’Entella che squadra è?

Gioca e fa giocare, non penso che faranno le barricate. Sarà una partita aperta, come quella di lunedì sera. Se va come l’abbiamo approcciata andrà bene.

Gli altri saranno stimolati dall’assenza di Marconi e degli altri?

Penso che abbiamo a disposizione quattro attaccanti domani che dovranno giocare in base alle loro qualità. Due di questi, Masucci e Moscardelli, hanno fatto una carriera anche migliore di quella di Marconi. Domani ovviamente proveremo a fare risultato pieno.

Masucci anche se non è altissimo è uno di quelli più forti in elevazione. Ti mancherà anche Pinato, Marin potrà essere gettato nella mischia?

Marin più che altro ha saltato la partita con lo Spezia perché è tornato dalla nazionale venerdì sera, ma è a completa disposizione e potrà giocare dall’inizio o a partita in corso. Masucci l’abbiamo recuperato all’ultimo, ora dobbiamo decidere se farlo partire dall’inizio o a gara in corso.

Ieri il Benevento ha battuto il Trapani, come vedi questo campionato?

Il Benevento è staccato in avanti, poi sono tutti molto vicini. Questo significa che sono gare durissime come quella di domani. Il risultato del Benevento col Trapani è stato molto largo, il Trapani aveva avuto anche una occasione di riaprirla, ma le streghe sono la squadra al momento più forte del campionato. I siciliani giocano, concedono anche, ma hanno tante occasioni. Hanno vinto 4-1 a Spezia e non saranno da sottovalutare.

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018