In sala stampa, alla vigilia di Pisa-Olbia parla mister D’Angelo per anticipare i temi della sfida di domani. Ecco le sue dichiarazioni.

Il Pisa ha giocato 5 partite nelle ultime 6 in trasferta, finalmente si torna a casa

Sì, siamo felici, speriamo di fare un grande risultato domani.

Moscardelli è disponibile?

Sì, per uno scorcio di gara potrebbe giocare, ma partirà dalla panchina. Il resto sono tutti a disposizione. Abbiamo la rifinitura oggi pomeriggio.

Che bilancio si può fare di queste ultime gare di campionato?

Tre partite su quattro le abbiamo giocate in maniera giusta, a Chiavari sono convinto si sia fatto una buona partita. A Siena abbiamo giocato meno bene, anche se abbiamo avuto soprattutto nella parte finale occasioni per pareggiarla. Avremmo potuto fare qualche punto in più.

Com’è giocare contro una squadra con un allenatore nuovo?

Loro hanno voglia di mettersi in mostra sicuramente con il nuovo allenatore, ma dobbiamo metterci nelle condizioni di fare una grande partita. Ho visto le ultime sfide dell’Olbia, specie quella con il Gozzano in cui meritavano di vincere a discapito del risultato. Noi ci adatteremo alle varie situazioni.

Quale sarà lo schema tattico della squadra?

Abbiamo la possibilità di continuare così o di “tornare all’antico”, può cambiare qualcosa, ma non è una cosa determinante. Adesso dobbiamo solo fare qualche valutazione sugli uomini, non tanto sul modulo. Il modulo è importante, ma le linee guida di più, abbiamo un gioco di palleggio e molto sugli esterni e non cambia molto con due giocatori sotto una prima punta a mio avviso.

Quanto è importante aver ritrovato la vittoria contro la Lucchese?

I risultati dipendono molto dagli episodi e dalle situazioni. Anche a Siena eravamo partiti bene come siamo partiti bene a Lucca, ma a Siena con l’andare dei minuti abbiamo fatto più fatica.

Un gol come quello fatto da Marconi può servire molto al ragazzo.

Marconi, come tutti gli altri giocatori, ha bisogno di positività, ma la positività non si può aspettare che la creino gli altri, te la devi creare da solo. Adesso sta sicuramente meglio. Con il gol è sicuramente più felice. Avesse fatto gol di punta a un metro dalla porta sarebbe andata bene lo stesso. Alla fine è stato bello aver fatto gioire i tifosi.

Il secondo gol era buono oppure no?

Rivedendo le immagini forse aveva ragione l’arbitro, nel complesso mi è piaciuta la sua gestione della partita.

Gori è un valore aggiunto di questa squadra

Senza dubbio a Lucca ha fatto grandi interventi, così come sta facendo in ogni partita.

Torniamo sull’Olbia, che squadra è secondo lei?

L’Olbia è una squadra che ha un attacco importante, gioca e lascia giocare, ha giocatori di grande prospettiva ed esperti. Sono stati gli unici a vincere a Carrara. Non possiamo credere che sia una partita semplice, non ci sono partite semplici.

Lisi a destra potremmo vederlo?

A me personalmente piace di più sulla sinistra, per situazioni tattiche che non dico per avvantaggiare gli altri. Per me può essere più essere più incisivo lì.

Di Quinzio ha dato molto nel ruolo schierato nella scorsa partita. Può essere una soluzione?

Ha già giocato in passato in quel ruolo, è un giocatore tecnico, è ovvio che dia il meglio di sé in quella zona del campo. fa bene in tutte le posizioni.

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018