Riceviamo e pubblichiamo. La Curva Nord ha diffuso un comunicato, sugli spalti dell’Arena Garibaldi, nel quale si rivolge ancora una volta alla società.

“Un’altra partita importante giocata in casa, un’altra partita con uno stadio a metà. E ben venga che siete riusciti a non far chiudere un intero settore, ben venga che avete traslocato gli abbonati di gradinata in tribuna, ben venga che avete abbassato i biglietti: ottimo.
Queste scelte, però, al tempo stesso logiche e tardive, sono state comunicate quasi “in sordina”, con un dispaccio burocratico (che magari non tutti avranno letto) a due giorni dalla partita. Sanno quasi di concessione alla piazza, ma la piazza aveva chiesto questo e anche molto altro, principalmente un tipo di comunicazione che ancora una volta non abbiamo riscontrato. Ripetiamo che la richiesta principale è la chiarezza, che tutta la società o qualcuno ci metta la faccia e parli alla città: comunicato “vero”, conferenza stampa, intervista, come volete.
– Quali sono i programmi sportivi, ad oggi?
– A che punto siamo con lo stadio?
– A che punto siamo con il centro sportivo?
– Cosa si prevede a livello di prospettive per gli abbonati di gradinata?
– Riuscite ad interfacciarvi con il Comune?
Noi, con la città, restiamo in attesa, precisando che al nostro comunicato, piuttosto articolato, non è stata data alcuna risposta né in forma pubblica né tanto meno privata.
CURVA NORD”

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018