La storia di una squadra di calcio, che è sempre legata alla città, comprende tanti aspetti. C’è la storia dei risultati, degli allenatori, dei giocatori. E c’è la storia del “dietro le quinte” che quasi sempre è più sanguigna, è più vera. È la storia della gente. Quella che non si vede su Sky ma che vive chi va allo stadio in settimana , o attacca gli striscioni mille ore prima , o si ferma a un autogrill durante una trasferta.
Aureliano Nardini non è stato solo il custode dello stadio. È stato il custode di un pezzetto di storia, quella di un Pisa meno mediatico, meno social, ma più verace. Il custode di tanti ricordi e momenti che adesso dovremo portare avanti noi.

Lo saluteremo come merita, alla nostra maniera. Il ritrovo allo stadio è per le 14.30 di sabato pomeriggio. Entreremo in Curva, lo aspetteremo per l’ultima volta sotto la Nord. E alzeremo la Voce per lui.

Ciao Vocina

I tuoi ragazzi della Curva Nord”.

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018