In sala stampa dopo Pisa-Siena parlano Giovanni Corrado, mister D’Angelo, poi Minesso e De Vitis per il Pisa. Per gli ospiti commenta il match l’allenatore Mignani. Ecco le loro dichiarazioni

Esordisce così in sala stampa Giovanni Corrado: “A me basterebbe anche prendere meno pali in casa. Se penso ad Olbia e Albissola, abbiamo preso otto pali in poche partite. Quando abbiamo fatto cattive prestazioni abbiamo sempre perso, mentre quando abbiamo fatto grandi prestazioni non abbiamo avuto fortuna. Oggi ci siamo anche ritrovati sotto senza sapere il perché. La squadra ha intrapreso la strada giusta, ma ci ha provato fino alla fine. Rimane l’amaro in bocca, ma giocando sempre così non si può pareggiare sempre. Questo è un gran gruppo, lo ha anche dimostrato. Penso che abbiano fatto tutti una buona partita. Non voglio fare polemica sull’arbitro, l’alibi non ci piace. Però quest’anno ci sono stati anche episodi sfortunati. Nella gestione della partita forse avere gli stessi ammoniti di una gara gestita in maniera è stata strana. Tra l’altro sappiamo che è un ottimo arbitro. Sul mercato penso che dovrebbe finire prima che ricomincino le partite. Ma in questo calcio non funziona niente quindi non ci si stupisce di niente.”

Queste le parole di Luca D’Angelo: “Abbiamo grande rammarico per non averla vinta, soprattutto per la mole di gioco creata. Abbiamo giocato bene anche difensivamente parlando, il gol il primo è stato gran merito dell’avversario, mentre il secondo un infortunio che poteva capitare. I due gol gridano vendetta perché avremmo meritato di più. Non ho rivisto le immagini, dalla mia postazione non so se fossero gol regolari o no tutti quanti quelli annullati. Abbiamo acquistato giocatori che hanno grande tecnica e forza fisica. Oggi il Siena si è arroccato in difesa nel secondo tempo, ma dal punto di vista qualitativo siamo di più e riusciamo comunque a pungere molto di più. Sapevamo che Verna era un giocatore molto forte che va a completare un reparto già tra i migliori della categoria. Non penso arriveranno altri dal mercato, dobbiamo solo recuperare Liotti e Marconi. La squadra è estremamente competitiva. Marin aveva avuto una botta a inizio settimana, per l’Arezzo però è pronto. I ragazzi si faranno trovare pronti. Moscardelli si è arrabbiato per la fascia da capitano, perché è personale e sono piccole scaramanzie dei calciatori.”

Quindi è la volta di De Vitis: “Credo che abbiamo fatto un’ottima partita, ci sono tante cose positive da prendere per la partita di oggi. Sull’episodio mi sono arrabbiato perché era il terzo che ci avevano annullato. I primi due forse sembravano irregolari, ma il terzo non mi sembrava irregolare. Mi sembrava di essere partito da dietro. Prendiamo quello che di buono c’è stato questa sera. Una delle migliori prestazioni da quando sono qua, anche se non abbiamo vinto. Non ci vogliamo però aggrappare agli episodi. Abbiamo fatto un buonissimo passo in avanti dal punto di vista del gioco e della qualità. La difesa alla fine era anche a quattro, a parte i primi dieci minuti siamo usciti molto bene. “

L’ultimo per i neroazzurri è il nuovo acquisto Minesso: “Dobbiamo pensare a far meglio possibile, gli errori gli arbitri possono farli e non dobbiamo discuterli. Dispiace perché potevamo anche essere più attenti, due punti in più sarebbero stati certamente meritati. La squadra ha tenuto bene per tutti i 90′, ritmi alti e alta intensità. Abbiamo concesso questi due gol così, ma sono cose che possono capitare. Posso dire che la squadra sta bene e lo abbiamo dimostrato in campo. Non ho rivisto le immagini del gol, dal campo una delle reti annullate a De Vitis ci sembrava regolare. Ci sono stati annullati tre gol, poi se non ci sono vanno giustamente annullati. Probabilmente muovendoci un po’ meglio avremmo segnato un gol. L’arbitro forse ha lasciato esagerando un po’ troppo correre, è stata una partita un po’ maschia. Ci saranno tante partite così e oggi ci siamo adeguati. La mia idea sul gol era quella di cercare il primo palo, ma meglio di così non poteva venire. Alla prima partita con i compagni credo sia stato normale inizialmente trovare difficoltà nello scegliere la posizione giusta, comunque credo che l’intesa con loro migliorerà. Andremo ad Arezzo per una gara difficile, ma per provare a vincerla.”

Chiude mister Mignani per il Siena. “Queste le dichiarazioni post partita dell’allenatore del Pisa Mignani: “Questa è stata una partita bella tra due squadre che volevano vincerla. Il Pisa è ripartito con entusiasmo, tre nuovi acquisti titolari e ha fatto una partita forte, intensa. A tratti abbiamo sofferto la loro fisicità. Nella prima parte del primo tempo abbiamo fatto bene, forse nel secondo tempo meno bene. Per noi è un punto importante che ci dà un segnale forte contro una squadra che forse ha gioco una delle migliori partite dell’ultimo periodo. Siamo molto contenti che Guberti sia rimasto a Siena. Il suo è un ruolo fondamentale. Oggi Di Livio non era disponibile causa febbre e ho deciso di far giocare Guberti per personalità e tempi di gioco. Quando è calato abbiamo perso un po’ di campo e ho dovuto sostituirlo.”

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018