I protagonisti di Parma-Pisa Lucca, Mastinu e il tecnico D’Angelo commentano la sfida del ‘Tardini’. Ecco le loro dichiarazioni.

Lucca: “Sicuramente siamo un po’ rammaricati per il risultato, avremmo potuto portare a casa tre punti, ci teniamo questo punto stretto e andiamo adesso ad affrontare una Reggina in un’altra gara importante prima della sosta. Per il gol sono molto contento, tutti mi caricavano dicendomi che avrei potuto fare a Buffon ed è stata una grande emozioni, ma sono più felice di aver aiutato la squadra a conquistare un punto. Siamo una squadra compatta. I compagni cercano sempre di aiutarsi l’un l’altro. Essere riusciti a fare quattro punti contro Parma e Monza è importante, sono due pretendenti al titolo e sono fiero della squadra che siamo. Mi aspettavo un campionato così difficile come la Serie B, ma noi dobbiamo pensare solo a noi stessi perché siamo forti e dobbiamo puntare in alto, ne siamo capaci”.

D’Angelo:Credo sia stato un pareggio giusto anche se abbiamo preso gol nel momento in cui stavamo dominando la partita. La qualità dei giocatori del Parma in quella circostanza ha fatto la differenza, ma la squadra ha giocato una grande gara sotto qualsiasi punto di vista. Credo fosse il momento peggiore per venire a Parma, dato il loro momento con due sconfitte, ma i ragazzi hanno dato segnali importanti. Abbiamo giocato molto bene nel corso della prima mezz’ora, poi hanno spinto di più loro, ma non sono stati altrettanto pericolosi. Nella ripresa la gara è stata più equilibrata. Negli ultimi 30 minuti abbiamo dimostrato una grande personalità gestendo benissimo il pallone con l’opportunità di segnare grazie a Piccinini, Sibilli e Birindelli. Dobbiamo pensare a recuperare bene le energie in questi giorni e preparare al meglio la gara di sabato contro la Reggina. I tifosi ci hanno aiutato moltissimo soprattutto nei momenti di difficoltà”. 

Mastinu: ”La gara e la prestazione si commentano da sole. Ovviamente era impensabile pensare di poter vincere tutte le partite, per quanto siamo addirittura rammaricati per non esserci riusciti. Quella vista, per scenari e ritmi, poteva tranquillamente sembrare una gara di categoria superiore. Abbiamo dato ancora segnali di solidità e consapevolezza nei nostri mezzi. Continuiamo il nostro percorso sereni focalizzati sull’obiettivo Reggina”.

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018