Amaro debutto in nazionale per Marius Marin, espulso all’85’ di Romania-Ucraina under 21, terminata 3-0 per la Romania. La partita del calciatore del Pisa, entrato un minuto prima, è durata solo 60 secondi. In sala stampa Marin ha dichiarato alla TV rumena di essere molto dispiaciuto per l’accaduto, ammettendo di aver pianto.

“Volevo davvero iniziare col piede giusto” – ha dichiarato Marius Marin al termine della sua prima esperienza in nazionale Under 21“ma non è stato un bel momento per me. Questo è il calcio. Sono felice per la vittoria dei compagni e per aver portato a casa i tre punti. Non avevo visto l’avversario, desideravo solo dare tutto in campo, purtroppo sono cose che succedono. Onestamente pensavo di cavarmela con un cartellino giallo. Non l’avevo visto e non era assolutamente intenzionale.” – continua Marin, raccontando il contrasto di gioco che ha causato il cartellino rosso – “Avevo alzato la gamba per prendere il pallone, lui veniva da dietro e l’ho colpito. Mi hanno incoraggiato tutti dopo la partita, e ringrazio i miei compagni per questo. Sono felice di aver vinto, è questa la cosa più importante. Sono molto triste invece per quello che è successo, dovrebbero essere momenti di cui essere fieri. Come ho detto prima, sono cose che succedono. Ho lavorato tanto per essere qui e sì, lo ammetto, ho pianto un po’. Volevo questo debutto così tanto ed ero davvero entusiasta.” Queste le parole del calciatore nerazzurro alla tv rumena.

 

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018