Entusiasta del suo ritorno in nerazzurro, stavolta acquisito a titolo definitivo dal Sassuolo, Marin ha voluto commentare con un largo sorriso, definendo il Pisa come la sua seconda famiglia. Marin è stato uno degli artefici della promozione in B e il suo ritorno è stato fortemente voluto da tutti: dal tecnico D’Angelo passando per il DS Gemmi e tutto lo spogliatoio.

Marin esulta con la coppa (da profilo Facebook del calciatore)

Quando era arrivato a Pisa ci ha messo un po’ a ritagliarsi un posto da titolare, mai una frase fuori posto, sempre testa bassa in allenamento e con grande professionalità. Piano piano sono arrivate le maglie da titolare e i ruoli di responsabilità, fino a diventare protagonista, specialmente nella cavalcata playoff che ha portato il Pisa in Serie B. Marius Marin ha sempre avuto il nerazzurro attaccato come una seconda pelle, nonostante fosse tornato a Sassuolo, tanto che durante tutta l’estate, a Timisoara prima e in vacanza poi, ha sempre sfoggiato le magliette di allenamento del Pisa. Ieri è arrivato anche il commento, con grande entusiasmo, affidato al proprio profilo instagram. Ecco le sue parole: “Finalmente è ufficiale: sono un giocatore del Pisa. Sono felicissimo di essere tornato in quella che può essere definita la mia seconda famiglia! Ringrazio tutta la società per aver creduto in me e darò tutto me stesso per questa maglia . Forza Pisa!” 

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018