Altro pareggio per il Pisa che non trova la vittoria per la quarta gara di seguito. I nerazzurri passano in vantaggio nel primo tempo con un gran colpo di tacco di Masucci, servito da un grande assist di Lucca, che si era portato a spasso un difensore avversario. L’Ascoli però trova il pareggio con Dionisi su calcio di rigore, in seguito a un tocco di mano di Leverbe ravvisato in sede di var. Nella ripresa il Pisa prova a vincerla con D’Angelo che, per larghi tratti della gara, passa anche al 4-2-4 inserendo anche il giovane Seck, ma il risultato non cambia più.

D’Angelo rivoluziona la formazione dalla cintola in su contro l’Ascoli per la sfida odierna, punto d’arrivo del tour de force composto da 3 gare in 8 giorni. Il tecnico pescarese deve rinunciare ai soliti Berra e Siega, lungodegenti, ma anche a Marin, squalificato e a Marsura, che si è fermato nel corso della rifinitura pre-gara. D’Angelo schiera Nicolas tra i pali con Birindelli, Caracciolo, Leverbe e Beruatto nel reparto arretrato. Torna davanti alla difesa dal primo minuto Nagy, mentre Mastinu riprende il suo posto da mezzala insieme a Tourè. Gucher è il giocatore scelto dietro le due punte Masucci e Lucca. In panchina ancora una volta Cohen, così come Sibilli ed Hermannsson. Partita godibile nonostante il terreno bagnato e la pioggia fin dai primi minuti. I nerazzurri, dopo una serie di tentativi di conclusione da parte di Mastinu, stasera con l’argento vivo addosso, passano in vantaggio con un colpo di tacco di Masucci, alla prima da titolare, su assist di Lucca. I nerazzurri si abbassano e l’Ascoli si rende molto pericoloso fin quando un errore di Leverbe causa un calcio di rigore assegnato dopo esame al var. Dal dischetto Dionisi riporta la sfida in parità. Nella ripresa si rivede Cohen ed entra il giovane Seck, con D’Angelo che pur di vincerla con coraggio passa al 4-2-4. Non basta perché la gara termina in parità.

PRIMO TEMPO – Ascoli subito pericoloso al 2′ con un cross basso di Maistro che trova Sabiri, ma il 10 bianconero trova la pronta risposta di Nicolas che fa sua la sfera. All’8′ buona azione dei nerazzurri con Nagy che porta via palla e allarga per Masucci. Tano mette in mezzo di prima intenzione, ma trova la respinta di un difensore ma, infine, Mastinu sulla respinta calcia di poco alto sopra la traversa. Pochi secondi dopo Lucca ha un’ottima occasione per passare in vantaggio, ma il suo sinistro di prima termina di pochissimo a lato. Al 12′ Mastinu riceve palla da Touré, ma il suo tiro sibila di pochissimo fuori. Al 13′ ancora Mastinu, con grande licenza di osare dalla trequarti, raccoglie una respinta sugli sviluppi di un angolo battuto da Gucher, ma non è ancora abbastanza preciso da inquadrare lo specchio della porta. Prova a rispondere Sabiri con un tiro velleitario dai 30 metri che Nicolas non ha difficoltà a bloccare al 18′. I nerazzurri passano in vantaggio al 24′: Birindelli scappa via sulla fascia, passa a Lucca che si porta a spasso un avversario e mette in mezzo per Masucci che di tacco batte Leali. Al 36′ l’Ascoli replica con una potente conclusione di Dionisi, ma il tiro viene respinto da un intervento a mano aperta di Nicolas. Un minuto dopo Leverbe colpisce involontariamente col braccio il pallone, ma il tocco è evidente e l’arbitro al var concede il rigore dopo essersi consultato. Dal dischetto Dionisi non sbaglia e i bianconeri trovano il pareggio. Termina così il primo tempo

SECONDO TEMPO – La ripresa inizia senza cambi. Al 51′ Mastinu crossa in mezzo, ma la palla attraversa pericolosamente tutto lo specchio della porta. Caracciolo poco dopo mura una conclusione di D’Orazio, salvando il risultato. La gara si incattivisce con diversi interventi fallosi da parte degli ascolani che cercano di addormentare il gioco. Al 63′ ci prova in rovesciata Caracciolo, ma il tentativo è alto. Al 64′ primi due cambi per i nerazzurri con D’Angelo che inserisce Cohen e Sibilli per Gucher e Masucci. Al 66′ Dionisi di testa, in torsione, impegna Nicolas che fa sua la sfera. Il Pisa spinge, ma l’Ascoli si chiude in difesa. Al 75′ entra anche il giovanissimo Seck che prende il posto di Mastinu. Al 76′ Cohen converge e prova una conclusione, ma il suo sinistro è completamente fuori misura. L’ingresso di Seck fa passare i nerazzurri al 4-2-4 a trazione fortemente offensiva. L’ultimo cambio dei nerazzurri arriva all’85’ con Hermannsson che rileva Beruatto. Entrambe le squadre cercano il gol vittoria nel finale di gara, ma il risultato non cambia.

TABELLINO PISA-ASCOLI 1-1
Pisa: Nicolas; Birindelli, Caracciolo, Leverbe, Beruatto (85′ Hermannsson); Nagy, Touré, Gucher (64′ Cohen); Mastinu (75′ Seck); Masucci (64′ Sibilli), Lucca. A disposizione: Dekic, Livieri, Quaini, Curci, Di Quinzio, Cisco, De Vitis, Piccinini. All D’Angelo
Ascoli: Leali; Salvi, Avlonitis, Botteghin, D’Orazio; Eramo (71′ Bidaoui), Buchel, Maistro (82′ Fabbrini); Sabiri (62′ Saric); Iliev (82′ De Paoli), Dionisi (71′ Collocolo). A disposizione: Bolletta, Guardna, Tavcar, Baschirotto, Quaranta, Donis, Caligara. All. Sottil
Arbitro: Matteo Marcenaro di Genova (Avalos-Vono). 4° uomo Gauzolino.
Reti: 24′ Masucci, 40′ Dionisi (rig.)
Ammoniti: Dionisi, Birindelli, Buchel, Leverbe, Beruatto, Iliev, Collocolo
Note: Recupero 1′ pt. 4′ st. Spettatori paganti 4.732 Incasso non comunicato

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018