Puscas e Torregrossa. Torregrossa e Puscas. Sono sempre loro a metterla dentro quando c’è bisogno. Serviva a tutti i costi una vittoria per alimentare le speranze e i sogni, quando la classifica, ancora una volta, ha visto rallentare una delle sue protagoniste. Il Lecce, prossimo avversario dei nerazzurri, è stato infatti battuto dalla Reggina. Il primo tempo della sfida col Como è ampiamente dominato dal Pisa che passa in vantaggio con Puscas, con la complicità di un errore della difesa avversaria rimasta al picnic di Pasquetta. Il Pisa meriterebbe il 2-0 in svariate occasioni, anche per merito di un Birindelli in stato di grazia. Nella ripresa invece è il Como a trovare il pareggio con Gliozzi, ma un minuto dopo Birindelli ottiene un rigore e Torregrossa lo trasforma, A 10′ dal termine Lucca serve anche l’assist per Puscas che chiude definitivamente i conti per il 3-1 finale e il Pisa si porta a casa nerazzurra 3 punti d’oro. Ora sotto col Lecce per la grande sfida. La partita per la Serie A è ancora aperta.

Con la sconfitta del Lecce quella tra Pisa e Como diventa una partita importantissima. Una vittoria per i nerazzurri riaprirebbe i giochi per tutti gli obiettivi e D’Angelo sceglie di schierare per l’occasione la formazione che statisticamente negli ultimi mesi ha dato più garanzie. L’unica eccezione è rappresentata da Livieri che prende il posto dell’infortunato Nicolas. Il portiere nerazzurro infatti non ce l’ha fatta a recuperare in tempo e il tecnico nerazzurro ha deciso per farlo restare in panchina. Assente invece Robert Gucher, per un infortunio muscolare che lo ha tenuto fuori gioco. Il resto della brigata è composto dalla solita difesa con Birindelli e Beruatto sulle fasce e Leverbe e Caracciolo centrali. A centrocampo Nagy agisce davanti alla difesa con Marin e Mastinu in qualità di mezzali, mentre Benali agisce dietro le due punte Torregrossa e Puscas, quest’ultimo preferito a Lucca, rimasto in panchina. Per il Como titolari Varnier e Gori, mentre sono appiedati per una giornata dal giudice sportivo sono Vittorio Parigini, Matteo Solini e Giacomo Calo, mentre tra gli infortunati spicca Alberto Cerri, la cui stagione sembra finita per una lussazione alla spalla, anche se il Como punta a riscattarlo dal Cagliari, oltre al difensore Bertoncini, per problemi fisici. Presenti all’Arena 6218 spettatori. Poco prima della gara Torregrossa viene premiato con l’MVP di marzo da parte della Lega B. In campo il Pisa gioca molto bene, divertendosi e divertendo il pubblico presente. I nerazzurri passano in vantaggio subito al 7′ con Puscas, dopo un’azione viziata da un errore di Varnier. La squadra di D’Angelo domina per larghi tratti la prima frazione di gioco, andando vicina al raddoppio in diverse occasioni, la più clamorosa delle quali con Birindelli che con un sinistro velenoso costringe Gori a superarsi. Termina così il primo tempo. Nella ripresa le cose non iniziano bene per i nerazzurri perché il Como si riprende e prova a spingere per trovare il pari. Effettivamente il pareggio arriva con Gliozzi, ma subito dopo Birindelli subisce fallo in area e trova un calcio di rigore che Torregrossa trasforma. A 10′ dalla fine arriva anche il 3-1 con la doppietta di Puscas, servito da Lorenzo Lucca, oggi grande uomo squadra. Si conclude così la partita e arriva una grande vittoria per la lotta alla promozione diretta con la vetta della classifica che dista solo 3 punti, mentre il Lecce, al secondo posto e prossimo avversario del Pisa, è lontano solo 2 punti.

PRIMO TEMPO – Sono i nerazzurri a far la partita fin dalle prime battute con il pallino del gioco. Al 6′ la squadra di D’Angelo ottiene un calcio di punizione, ma si risolve in un nulla di fatto. Sul capovolgimento di fronte è Mastinu a pescare Birindelli, ma Varnier va a vuoto e il pallone finisce a Torregrossa che serve Puscas, abile a spiazzare Gori e a portare in vantaggio il Pisa. Il Como non è ancora entrato in campo, mentre la formazione nerazzurra martella palla su palla. Al 10′ Torregrossa viene atterrato in area, ma per l’arbitro è tutto regolare. Al 15′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Beruatto calcia da fuori sfiorando il palo alla sinistra di Gori. Al 23′ Gliozzi emerge dalle retrovie e calcia di prima intenzione verso la porta difesa da Livieri che respinge in corner. Al 27′ clamoroso intervento di Caracciolo che in scivolata su ultimo uomo compie una vera e propria prodezza per evitare il possibile gol degli ospiti. Al 30′ Livieri interviene respingendo un cross dalla trequarti, ma Varnier da posizione defilata la manda fuori di testa a porta vuota. Sul capovolgimento di fronte Puscas serve Torregrossa, ma il suo sinistro viene deviato in corner da Gori. Al 33′ Iovine pesca Lagumina, ma l’attaccante non trova la porta. Si ha la sensazione che le squadre in questa fase si siano allungate molto con maggiori capovolgimenti di fronte. Al 37′ grande azione del Pisa con Benali che innesca Beruatto, il quale mette in mezzo per Puscas che si vede respingere due conclusioni dalla retroguardia, poi è Birindelli (oggi semplicemente incontebibile) che calcia un sinistro imprendibile, che solo Gori può respingere in angolo. Torna sui ritmi di inizio primo tempo la squadra di D’Angelo. Al 39′ Beruatto mette ancora in mezzo per Puscas, ma la girata di testa è a fuori. Sul contropiede Lagumina impegna Livieri, freddo a respingere la conclusione a tu per tu con l’attaccante. A pochi secondi dall’intervallo Birindelli in corsa sfiora nuovamente, di testa, il raddoppio su assist di Puscas.

SECONDO TEMPO – Si riparte senza cambi, ma il Como è pronto a cercare il pareggio. Al 56′ , su un contropiede, Livieri neutralizza facilmente un traversone di Gliozzi dal quale il Pisa imposta e porta Marin a crossare per Mastinu, che di testa manda alto. Al 61′ Livieri si supera di fronte all’ennesima conclusione di Gliozzi che era resa ancora più difficile da una deviazione di Leverbe, ma l’estremo difensore nerazzurro in campo al posto di Nicolas non si fa sorprendere. Cresce il Como in questa fase e, poco prima che D’Angelo sia riuscito a finalizzare i primi cambi della gara, ci pensa Gliozzi a pareggiare i conti arrivando come un falco su un assist di un compagno. Pochi secondi dopo il Pisa reagisce e Birindelli viene atterrato in area da Ioannou e l’arbitro comanda il calcio di rigore. Torregrossa non si fa pregare e, dopo un check var esageratamente lungo, trova la rete del 2-1 spiazzando Gori. Escono di lì a poco proprio Torregrossa e Benali e al loro posto D’Angelo inserisce Lucca e Sibilli. Risponde il Como di Gattuso inserendo Vignali e Gabrielloni per Varnier e La Gumina. Altro cambio per il Pisa al 76′ con Mastinu che esce per far spazio a De Vitis. Al 78′ Birindelli sfrutta un errore di un difensore avversario per calciare, ma il suo tiro sfiora l’incrocio dei pali terminando alto sopra la traversa. Al 79′ un contropiede trova pronto Lucca che si invola sulla destra e mette in mezzo per Puscas servendolo con un assist al bacio che chiede solo di essere appoggiato in rete, trovando la rete del 3-1. All’82’ Livieri compie una grande parata su tuffo di Gabrielloni, salvando il risultato. Un minuto dopo Sibilli serve Lucca, ma il destro del giovane attaccante nerazzurro sfiora il palo alla destra di Gori. Ultimi cambi per D’Angelo con Touré e Cohen che rilevano Marin e Puscas. Gli ultimi minuti volano via senza troppi sussulti, tranne l’ammonizione di Touré che a Lecce non ci sarà perché era diffidato.

TABELLINO PISA-COMO 3-1
Pisa: Livieri; Birindelli, Leverbe, Caracciolo, Beruatto; Marin (84′ Cohen), Nagy, Mastinu (76′ De Vitis); Benali (70′ Lucca); Torregrossa (70′ Sibilli), Puscas (84′ Touré). A disposizione: Dekic; Berra, Hermannsson, Siega, Marsura, Masucci. All. D’Angelo.
Como: Gori; Bertoncini, Varnier (73′ Vignali), Cagnano; Iovine, Arrigoni, Bellemo, Nardi (57′ Ciciretti), Ioannou; La Gumina (73′ Gabrielloni), Gliozzi. A disposizione: Facchin, Zanotti, Peli, Bovolon, Kabashi, Blanco. All. Gattuso.
Arbitro: Pezzuto di Lecce
Reti: 7′ Puscas, 64′ Gliozzi, 69′ rig. Torregrossa, 79′ Puscas
Ammoniti: Mastinu, Touré
Note: Recupero 0′ pt, st. 6218 spettatori presenti

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018