Mentre il Pisa prosegue la sua preparazione, attendendo dal mercato anche che si sblocchino alcune trattative, su tutte quelle per Leverbe e Lucca, molto ben avviate, quest’ultima in via di definizione specialmente, parlano anche i primi calciatori dal ritiro della Val Seriana. Gucher, Birindelli, De Vitis e Masucci fanno il punto della situazione.

Masucci: “Ormai è passato un po’ di tempo, sia dalla fine della stagione che dal mio infortunio, abbiamo ricaricato le batterie. Vogliamo ripartire con entusiasmo. Vogliamo migliorarci e fare una grande annata. Quelli nuovi si ambienteranno sicuramente da soli in questo gruppo. Saluto tutti i tifosi, credo e spero ci rivedremo presto allo stadio“.

De Vitis: “Abbiamo avuto tutto il tempo per ricaricare adeguatamente le pile. C’è sicuramente tanta voglia di fare bene ed adesso sta a noi confermarci in questa realtà e cercare di migliorarci“.

Birindelli: “Siamo carichi e abbiamo voglia di ripartire. Ora iniziamo a lavorare duro, quest’anno penso sia il più difficile del triennio, ci sono tante squadre molto importanti. In questo torneo, nulla sarà scontato fino all’ultimo”.

Gucher: “Dobbiamo correre, sudare e mettere benzina nelle gambe. Entrare in questo gruppo è sempre estremamente facile, cercheremo di conoscerci subito e di creare un gruppo come abbiamo fatto sempre. Dispiace non vedere alcuni vecchi volti, siamo comunque una bella famiglia che deve ripartire da gente nuova. I tifosi sono quelli che ci sono mancati di più“.

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018