Il Pisa è ormai una squadra trasformata e, ad ogni prestazione, sembra aver scritto sul volto di ogni giocatore la frase “stiamo arrivando”. Dopo un inizio complicato ora i nerazzurri possono giocarsela con tutti. Il pareggio di Frosinone certifica che i nerazzurri oggi sono alla pari con tutte le big del torneo.

LA RIMONTA – I numeri parlano chiaro. Luca D’Angelo e i suoi pretoriani hanno rimontato in sole 11 partite dal ventesimo e ultimo posto in campionato fino all’ottavo, risalendo in maniera entusiasmante la classifica. Complessivamente il Pisa ha ottenuto il dodicesimo risultato utile consecutivo, con la miglior striscia positiva del torneo cadetto (a pari merito con il Sud Tirol). Per la terza volta consecutiva inoltre i nerazzurri non hanno subito gol, dimostrando di avere un reparto arretrato granitico.

TURNOVER – Se prendiamo ancora in esame le ultime tre giornate, il tecnico nerazzurro Luca D’Angelo ha dalla sua anche i numeri del gruppo, avendo schierato ben 19 giocatori diversi in queste tre partite, dando modo ai giocatori di alternarsi alla perfezione. Mentre i ciociari schieravano di fatto lo stesso undici che aveva battuto la Reggina nel turno infrasettimanale, la lunghezza e la qualità della rosa nerazzurra hanno permesso a tutti di essere in forma, con D’Angelo che ha potuto schierare ben 6 titolari diversi tra la sfida di giovedì scorso e quella di domenica sera. Si scrive turnover, ma si legge gruppo.

OBIETTIVO GIRO DI BOA – L’obiettivo adesso diventa quello di girare alla diciannovesima giornata, l’ultima del girone d’andata, con il maggior numero di punti possibili. Il Pisa si trova adesso a quota 23 e ha ancora 6 punti a disposizione. I dati della gestione D’Angelo dicono che i nerazzurri potrebbero ottenerne 4 se continueranno a fare il loro dovere. Chiudere comunque tra 26 e 29 punti sarebbe un capolavoro, considerando lo sciagurato inizio di stagione. Arrivare a questo punteggio permetterebbe, di fatto, quasi di cancellare il primo mese e mezzo, potendo guardare avanti da una prospettiva totalmente capovolta rispetto a quella di inizio stagione.

 

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018