Gradito ospite telefonico nel corso della puntata numero 67 di Finestra sull’Arena è stato a Rocco Sabato, ex giocatore del Pisa e grande protagonista nei play off giocati dai neroazzurri ai tempi della presidenza di Carlo Battini; insieme a lui impossibile non percorrere il viale dei ricordi, purtroppo non tutti piacevoli. Rocco Sabato.

Riportiamo di seguito le dichiarazioni salienti del terzino ex Pisa e Catania.

Rocco Sabato si sofferma inizialmente sull’impresa di Perugia: “A Perugia fu una gara memorabile, una delle partite più belle che ho giocato nella mia carriera, un finale incredibile ed una gioia immensa. Il goal di Rantier fu una mazzata, io chiesi subito palla a Barberis e mi involai sulla fascia sinistra, la misi in mezzo ed in qualche modo il pallone arrivò sul piede del nostro grande capitano che ci portò in finale con un goal splendido.”

Rocco Sabato ai tempi del Pisa (Foto Pisachannel)

Poi una riflessione generale sui suoi anni in nerazzurro: “A Pisa sono stato benissimo, l’unico rammarico fu quella finale persa a Latina perché quell’anno ci meritavamo davvero la serie B e quella squadra con qualche innesto avrebbe fatto bene anche in categoria superiore. È sempre difficile parlare della malafede degli arbitri, ma in quella partita vi posso assicurare che fu difficile non pensar male …”

Ex di Pisa e Catania, non nasconde di sperare che entrambe salgano di categoria: “Spero che Pisa e Catania, due squadre che mi hanno visto protagonista, possano entrambe andare in serie B. Ai play off è fondamentale arrivarci nelle migliori condizioni psicofisiche, come fece il Pisa di mister Gattuso, e credo che quest’anno i neroazzurri siano arrivati agli spareggi promozione davvero in ottima forma. Anche noi arrivammo bene ai play off, e per due anni di fila, ma ci è sempre mancata la fortuna – vedi il gran goal di Paganini che a tempo scaduto ci eliminò nella semifinale giocata a Frosinone.”

Infine un ultimo pensiero prima dei saluti finali: “A Perugia in quella semifinale incrociai giocatori importanti quali Fabinho e Politano, del quale già all’epoca si parlava un gran bene nonostante la giovane età ; devo dire che per certi versi non mi aspettavo di vederlo dopo qualche anno giocare in una squadra importante come l’Inter. Ma adesso tocca agli uomini di mister D’Angelo riportare il Pisa nella categoria che i tifosi neroazzurri meritano : faccio loro un grosso in bocca al lupo.”

In collaborazione con Il Pisa Siamo Noi

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018