Ancora molto indietro la discussione sulla ripresa delle gare, con il dialogo tra Federcalcio e governo che si sta concentrando al momento, ancora, solo sugli allenamenti collettivi su cui c’è stato l’ennesimo rinvio a domani. Mentre il Pisa è ancora alla finestra per capire il da farsi, facciamo ordine su tutti gli appuntamenti, passati e futuri, relativi alle decisioni che coinvolgeranno un’ipotetica ripartenza del calcio italiano.

8 MAGGIO – Una giornata importante, quella dell’ultimo vertice tra la Figc e il Comitato tecnico scientifico del governo sul protocollo per gli allenamenti. La Federazione chiedeva di attuare un modello più snello, come quello tedesco, e ci sono stati alcuni nodi che hanno fatto proseguire la discussione anche successivamente, tra cui il dato logistico sulle docce post allenamento, ma anche il nodo tamponi e, soprattutto, quello più importante sulla positività degli atleti dopo la ripresa degli allenamenti. La giornata era talmente importante che è stata rinviata, a data da destinarsi, come riferisce la Figc, “la riunione del Consiglio Federale programmata l’8 maggio è stata posticipata per la necessità di maggiori approfondimenti. Per consentire al sistema calcio di fronteggiare la crisi contingente, il Consiglio Federale sarà prossimamente riconvocato con all’ordine del giorno le tematiche inerenti la ripresa dell’attività sportiva e per stabilire le linee guida per l’iscrizione ai prossimi campionati”.

9 MAGGIO – Come avevamo scritto nei giorni scorsi, la Serie B aveva scelto la via della compattezza, dopo le riunioni del 5 e dell’8 maggio in videochat, stabilendo questa linea guida. “per concludere l’attuale stagione sportiva in considerazione di ragioni di ordine tecnico, atletico e organizzativo, servono almeno tre mesi dal nulla osta governativo sulla ripresa degli allenamenti. Con il termine della stagione che, di conseguenza, potrà essere fissato e individuato nei periodi delle date finali delle competizioni Uefa”. Ieri invece il presidente Mauro Balata ha informato tutti i club con una lettera delle decisioni della stessa Federcalcio, dopo la riunione dell’8 maggio col comitato tecnico scientifico: “Il Presidente Gravina ha informato che nel corso dell’incontro con il Comitato tecnico-scientifico si è fatta una distinzione tra Campionati professionistici, dilettantistici e giovanili (ad oggi, già definitivamente sospesi a livello Nazionale questi ultimi). Il Presidente Gravina ci ha informati che l’incontro ha avuto un esito positivo e lui stesso si è detto favorevole alla ripartenza dei tre Campionati professionistici, seppur all’esito dell’evoluzione dell’epidemia da Covid-19 e con partenze differenziate, iniziando dalla LNPA, seguita da Lega B e Lega PRO. Il Presidente Gravina, inoltre, si è detto possibilista riguardo il possibile termine della stagione sportiva dopo il 2 agosto p.v. (pare, infatti, che l’UEFA stia ipotizzando di consentire una posticipazione a detto termine, circa di un paio di settimane)”.

IL MESE DI GIUGNO – Sarebbe il mese zero, quello individuato per l’effettivo ritorno in campo delle squadre per le partite. Una data meramente indicativa, del tutto soggetta alle dinamiche precedenti. Qualora arrivasse un nuovo lockdown, un’impennata di casi o qualsiasi altro problema, la stagione sarebbe finita qui, a meno di precedenti prese di posizione da parte del governo, che finora hanno tardato ad arrivare.

2 AGOSTO – Si tratta del termine ultimo stabilito da parte dell’Uefa per chiudere la stagione dei campionati di prima divisione. Se la Serie B continuasse, come fatto sapere da Mauro Balata, ci sarebbe l’ok per chiudere il torneo cadetto anche oltre questa data.

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018