Nel pomeriggio botta e risposta con due comunicati provenienti dalla Curva Nord e Punto Radio. La Curva precisa che non ha niente a che fare con una iniziativa per i terremotati presentata dall’emittente di Cascina, ma Punto Radio smentisce di aver mai associato nessuna iniziativa del genere tramite i propri canali.

Ecco il primo comunicato della Curva:

“I Gruppi della Nord precisano che niente hanno a che fare con “l’iniziativa per i terremotati” presentata su punto radio e che sta girando sui social network. Ci teniamo a precisarlo perché siamo stati direttamente tirati in ballo, passando quasi come organizzatori del progetto, pur non essendo nemmeno a conoscenza di questa iniziativa.
Ricordiamo a tutti che le iniziative della Curva come sempre  partono SOLO  dai mezzi di comunicazione  che solitamente usiamo: comunicati ufficiali che FIRMIAMO e presentazione del progetto  a tutti gli organi di informazioni.

 I Gruppi della Curva Nord Maurizio Alberti”

Questa la risposta pervenutaci dalla Redazione di Punto Radio:

“In relazione al Comunicato della Curva Nord di questa tardo pomeriggio nel quale si legge: I Gruppi della Nord precisano che niente hanno a che fare con “l’iniziativa per i terremotati” presentata su punto radio e che sta girando sui social network, desideriamo precisare che la testata giornalistica sportiva di Punto ed il programma E ora parlo io, non hanno mai associato nessuna iniziativa per i terremotati alla Curva Nord, così come non vi è traccia sui nostri Social Network ufficiali (PuntoRadioFM, Cascina Notizie, Radio Pisa su Facebook, @RadioPisaFM, @CascinaNotizie, @PuntoRadioFM su twitter) di pubblicità inerente iniziative pro terremotati della curva. Se qualcuno lo sta facendo sta usando in modo illecito il nome delle nostre testate e pertanto potranno essere perseguiti a norma di legge.
Rinnoviamo la stima alla Curva Nord Maurizio Alberti che abbiamo appoggiato durante “Pisa non si piega”, così come gli siamo vicini in questo momento con i Daspo incombenti e sui quali ci siamo chiaramente espressi”.

Commenti

Condividi