Il mister del Pisa Gattuso ha parlato dopo la rifinitura del venerdì mattina nella consueta conferenza stampa (in diretta facebook su Sestaporta) all’Arena Garibaldi. Tra le tante cose dette arriva la smentita sulla notizia che lo voleva nuovo mister del Braga in Portogallo a fine stagione

Domani importante sfida contro la SPAL a Ferrara. Queste sono le prime parole del mister: “Li conosciamo, abbiamo avuto giusto il tempo di preparare la partita. Anche se siamo cambiati molto siamo due squadre che si conoscono. Loro sono una squadra che gioca a memoria, hanno grande qualità, si vede che è ben allenata e tutto quello che fanno lo fanno bene. Ci andremo a giocare la nostra partita. Ormai le partite sono tutte decisive.

Gattuso ci tiene a smentire le voci che lo danno al Braga: “Smentisco qualsiasi voce relativa al Braga, non ho parlato con nessuno. La cosa che mi ha dato fastidio è che sia stato scritto che c’è caos societario. In questo mese e mezzo ho visto tutto l’opposto, gente che ci mette grande passione e competenza. Non mi trovo d’accordo con quello che ha scritto il giornalista. Qua c’è anche troppo di positivo in questo momento. Abituati a quello che accade nelle varie piazze d’Italia qui adesso si sta molto bene.”

Poi torna sul tema della partita: “Per quanto riguarda la partita, vedremo come giocherò, non voglio al momento anticipare nulla. Non sarà una gara comunque facile perché la Spal è una squadra che può far male in qualsiasi momento e Semplici sicuramente è l’allenatore del momento. Il gruppo sta bene, sono contento di questo.”

Sugli infortunati: “Nacho sta bene, ha fatto giocate offensive, stiamo aspettando il via libera dei dottori. Lisuzzo ha cominciato a fare carichi di lavoro importanti, l’unico è Loik che rimarrà a Genova fino a venerdì prossimo. Polverini ne ha ancora per un po’, Avogadri si è operato e si è tolto il tutore, ma ha ancora le stampelle. Crescenzi non sarà a disposizione.”

Sulla penalizzazione: “Abbiamo fatto tanti sacrifici, a volte vorrei spaccare il televisore quando vedo quel -1. Sembra di interpretare il film Fuga per la vittoria. Non faccio calcoli comunque né su di noi né sugli avversari. Pensiamo al nostro e ci prepariamo al meglio partita dopo partita.”

In ultimo la situazione contrattuale dei giocatori e il gol che ancora manca a Manaj: “Manaj ha 20 anni, fa il bomber e deve giocare per la squadra. Si sta muovendo bene, prima o poi il gol arriverà, ma bisogna lasciarlo tranquillo altrimenti tra alcune settimane lo dovremo raccogliere col cucchiaino. Facciamogli sentire l’affetto e ci darà una grande mano. Sui rinnovi è normale che chi non ha ancora firmato sia incazzato, c’è gelosia in ogni gruppo, ma è una cosa normale. Continuo a pensare che i Corrado siano dei matti, perché escono tante cose poco piacevoli, ma loro sono perfetti e ai giocatori questo interessa fino a un certo punto.”

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018