Prima di Pisa-Viterbese ha parlato l’allenatore Gautieri in conferenza stampa. Ecco le sue dichiarazioni ai giornalisti.

Che squadra è la Viterbese? “Affrontiamo una delle migliori squadre del campionato. Le partite vanno affrontate con una certa convinzione, abbiamo lavorato sui nostri e loro punti deboli e di forza. Dobbiamo fare una grandissima prestazione per vincere la partita, senza lasciare nulla al caso. “

Gara da affrontare sulle fasce? “Loro hanno giocatori importanti, lavorano molto con i terzini e gli esterni destri, dobbiamo essere bravi a contenerli, la gara si può decidere su tante situazioni. Dobbiamo essere concentrati perché loro sono bravi su molte cose nelle quali li abbiamo studiati in settimana. Anche noi dobbiamo essere consci delle nostre capacità”

Mannini ancora terzino? “Ancora con questa domanda. Chi dovrei fare giocare al suo posto per crossare? Ve lo chiedo. Birindelli? Va bene, farò giocare Birindelli. Decisione che prendiamo tutti qui dentro però eh. A parte gli scherzi domani lo vedrete, ma noi vediamo Mannini terzino e giocherà terzino.”

Se la gara non andasse sui binari che il pubblico vuole, pensa il tifo si possa spazientire? “Noi abbiamo la fortuna di avere una tifoseria intelligente e che pretende giustamente il massimo. Sono sicuro che i tifosi ci aiuteranno fino al 90′. Cercheremo di fare il massimo per vincere, in ogni palla dobbiamo essere duri e tosti e così porteremo la partita dalla nostra parte. Fino all’ultimo daremo il massimo, poi si tireranno le somme della partita. Ho la fortuna di avere una società che mi sostiene, penso che in un percorso come quello che vogliamo fare ci vuole equilibrio. Ci saranno sempre bei momenti come momenti difficili.”

La squadra è tutta a disposizione? “Bisogna vedere oggi se riusciamo a recuperare Favale, ma siamo tutti.”

Il modulo resta lo stesso? “Andremo sulle nostre certezze, anche se qualche volta ci siamo riusciti in parte. Abbiamo tanti interpreti, sono sicuro che gli interpreti che cambierò domani saranno quelli che faranno bene.”

De Vitis è pronto? “De Vitis è arrivato 20 giorni fa dalla Sampdoria, deve raggiungere ancora il ritmo. Però sta molto meglio ed è un giocatore importante che ci sta dando una grande mano. Sarà molto utile per il Pisa, magari a partita in corso anche domani.”

Su cosa si deve migliorare? “Si può migliorare sempre su tutto, se guardo Olbia e guardo domenica siamo arrivati sempre davanti alla porta, ma per ultimo passaggio o uscite del portiere non abbiamo fatto gol. Ma sono sicuro che ci sarà un segnale forte domani. La mia organizzazione di gioco è che quando siamo negli ultimi 20 metri dobbiamo attaccare con 5-6 uomini. Dobbiamo essere solo più convinti.”

Contento per l’apporto di Negro? “Negro è un calciatore importante, sono convinto che nel momento in cui Negro avrà i 90 minuti ci farà fare il salto di qualità, sta solo mancando un po’ nella continuità. Sta bene e sta lavorando tanto.”

Pisa, Alessandria e Lecce stanno deludendo, cosa ne pensa? “Ogni annata ha una storia a sé, per noi ci sono tante situazioni nuove, il campionato di Serie C è difficile, qualsiasi squadra tu sia. Noi dobbiamo capire la categoria, abbiamo la fortuna di rappresentare una piazza e una tifoseria importante. Bisogna scendere in campo con la cattiveria giusta. Questo è un campionato diverso dalla B.”

Che ne pensa della vittoria del Livorno? “Una grande impresa con l’Alessandria, ma non è una sorpresa. Sono una squadra costruita per vincere, ma non ci sono partite facili.”

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018