A fine gare le parole dei due allenatori alla stampa. Soddisfatto Gattuso per la prima vittoria esterna stagionale e chiama a raccolta la città per la sfida col Carpi. Aglietti riconosce la superiorità del Pisa, imputando la sconfitta anche a errori della squadra di casa, chiudendo con una battuta: “La loro sfortuna è che non affronteranno più l’Ascoli perché solo contro di noi hanno fatto 6 gol, la metà di quelli che hanno fatto quest’anno.

Queste le parole del mister nerazzurro Gattuso: “Sapevamo che avremmo incontrato una squadra in salute, che spreca poco e abbiamo fatto non poca fatica e abbiamo sofferto anche in fase difensiva. Masucci è un giocatore importante e anche Gatto è un ragazzo interessante. Questi tre punti sono pesanti come lo sono in tutte le partite. Sicuramente arriverà qualche punto di penalizzazione. Sapevamo di affrontare una squadra in forma e la differenza l’hanno fatta gli attaccanti lì davanti. Inoltre ho visto una grande reazione dopo il gol dello svantaggio. Di solito creiamo molto meno di quanto fatto oggi, ma anche subivamo meno: Oggi abbiamo davvero fatto difficoltà dietro. E’ un miracolo se siamo qui a giocarci la salvezza dopo tutto quello che è successo. La società ha pagato già gli stipendi di gennaio, lo spogliatoio sa che è un patrimonio da non buttare via. Godiamoci questo successo fino a stasera. Da domani tutte le nostre energie dovranno concentrarsi sulla gara col Carpi, un match fondamentale per il nostro cammino. Così come saranno fondamentali il sostegno, la carica e la passione dei nostri tifosi. Abbiamo bisogno della spinta di tutta la città per tornare a vincere anche all’Arena

A parlare dopo il match anche l’allenatore dell’Ascoli Aglietti: “Siamo subito andati in vantaggio, ma abbiamo concesso troppo spazio e abbiamo subito troppo grazie a errori nostri. Abbiamo avuto anche tante occasioni, ma il quarto gol ha chiuso la partita. La loro sfortuna è che non affronteranno più l’Ascoli perché solo contro di noi hanno fatto 6 gol, la metà di quelli che hanno fatto quest’anno. Siamo stati poco concentrati, è un nostro limite. Dovevamo scardinarli piano piano, ma sono stati più cattivi e ci deve servire di lezione. C’è troppo calo di tensione e quindi dobbiamo cercare di lavorare sulla questione mentale. Questi episodi nascono da situazioni che dobbiamo migliorare”

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018