Cade il record di risultati utili consecutivi del Pisa, con la striscia positiva che si interrompe a 27 dopo la sconfitta contro l’Empoli, un’altra delle formazioni più accreditate del campionato a promuovere in massima serie, nonostante un’altra importante prestazione di qualità. Al netto di qualche spazio di troppo concesso è il Pisa a fare la partita, forse esponendosi troppo spesso ai contropiedi degli ospiti che trovano proprio così il vantaggio con Mancuso. Il solito Bat-Marconi riequilibra la situazione. Nel finale però proprio Mancuso, complice un rimpallo fortunato, segna ancora, poi ancora una volta Marconi segna il suo settimo gol di questo campionato in pieno recupero, ma la gioia dura poco perché Frattesi gela l’Arena.

Ancora imbattute in campionato, Pisa ed Empoli si affrontano per il primo derby toscano di stagione. I nerazzurri arrivano a questa gara dopo il 2-2 di Verona che ha reso Marconi il capocannoniere del torneo, mentre l’Empoli ha vinto soffrendo e di rigore col Cittadella. Stesso avvio di campionato e stessi punti, con l’Empoli che non ha mai vinto in Serie B a Pisa, mentre l’ultima vittoria degli azzurri al Castellani risale addirittura agli anni ’40. D’Angelo stupisce tutti schierando il 4-3-1-2, ma soprattutto schierando titolare Lisi che non sembrava al meglio dopo la sfida di Verona. Bravo il tecnico nerazzurro a fare pretattica coprendo bene le sue carte. Esordio dal primo minuto per Fabbro alle spalle di Marconi, mentre si rivede anche Di Quinzio dal primo minuto dopo l’infortunio all’occhio che lo ha tenuto fuori per parecchio tempo. Fuori dai radar invece Asencio che non figura nemmeno in panchina. Durante la gara i tifosi lanciano un messaggio dagli spalti con il doppio striscione in Curva Nord e Gradinata: “Il procedimento è archiviato, ma l’ultras rimane diffidato. Questo sopruso non può più essere ignorato.” Il riferimento è ai fatti di Empoli, con 60 procedimenti a carico di ultras archiviati, ma con l’ingiustizia e il paradosso della diffida che permane inspiegabilmente. Primo tempo pieno di emozioni con il Pisa che gioca per vincere, ma in contropiede l’Empoli spesso entra come lama nel burro. Al 40′ è Mancuso a portare in vantaggio gli azzurri, ma Marconi su assist di Benedetti trova il pareggio e il sesto centro in campionato. Si abbassano leggermente i ritmi nella ripresa, con il Pisa che chiude meglio i propri spazi senza sbilanciarsi e passando al 3-5-2 con l’inserimento di Ingrosso. Dopo una girandola di emozioni e un’altra rete di Mancuso e Marconi, Frattesi gela l’Arena al 5′ di recupero e cade il record di imbattibilità del Pisa. Recrimina però il Pisa nel finale per un fallo non visto dall’arbitro su Masucci che trova l’ira funesta di tutta la squadra e dirigenza nerazzurra.

La Curva Nord (Foto Sestaporta)

PRIMO TEMPO – Il Pisa si affaccia subito in avanti, ma al 2′ un contropiede dell’Empoli sull’asse La Gumina-Mancuso-Frattesi, porta quest’ultimo al tiro senza trovare lo specchio della porta. I ritmi sono molto elevati fin dalle prime battute, con le due squadre che paiono aver recuperato al meglio dall’ultimo incontro del weekend. Al 10′ Di Quinzio conquista palla e la mette in mezzo, Fabbro fa velo a Marconi che scaglia un sinistro di prima intenzione che Brignoli mette abilmente in angolo. Al 13′ Lisi se ne va e con un tiro-cross attraversa tutta l’area piccola. Al 22′ Marconi mette dentro di testa su assist di Belli, ma la palla era già uscita prima del traversone del terzino nerazzurro. Un minuto dopo su contropiede La Gumina si ritrova solo davanti al portiere, ma Gori gli chiude la porta e respinge. Al 25′ Minesso mette Fabbro davanti al portiere, ma Brignoli con la punta del piede respinge la conclusione. Ci riprova il Pisa al 29′ con Di Quinzio che spara alto, ma si gioca a una porta sola con soventi tentativi di contropiede da parte degli ospiti. Al 39′ l’Empoli si fa vivo con Mancuso, ma Aya dopo un primo errore, mura la conclusione dell’attaccante degli azzurri. Al 41′ però all’ennesimo contropiede Mancuso si trova davanti alla porta avversaria e porta in vantaggio gli ospiti. Al 45′ altra occasione Empoli con un altro contropiede, ma stavolta Dezi viene fermato per fuorigioco. In pieno recupero il Pisa pareggia il Pisa con il solito Marconi, al sesto gol stagionale grazie a un grande assist di Benedetti dopo che Minesso aveva messo in mezzo un pallone invitante.

Le squadre di Pisa ed Empoli all’ingresso in campo (Foto Sestaporta)

SECONDO TEMPO – Preme l’Empoli con la complicità di qualche generoso spazio concesso dal Pisa, ma il primo tiro del Pisa al 4′ è di Marconi su assist di Lisi e termina alto. Due i cambi del Pisa in pochi minuti con l’ingresso di Masucci per Fabbro e di Pinato per Minesso. Al 12′ Stulac ci prova con una “maledetta”, ma Gori riesce a respingere il calcio piazzato e il Pisa si salva in angolo. A questo punto D’Angelo torna al 3-5-2 inserendo Ingrosso al posto di Di Quinzio. Al 28′ il Pisa perde l’attimo con Masucci che non raccoglie l’invito a nozze di Pinato e poi Marconi si trova lo specchio chiuso da Romagnoli. Al 30′ Ingrosso, che ci ha messo qualche minuto a carburare, chiude tutto con un intervento provvidenziale su Dezi. Momenti di apprensione nel finale proprio per Ingrosso che esce per un problema alla spalla, ma dopo un paio di minuti rientra in campo. Gori salva la situazione con una rischiosa uscita dopo uno svarione difensivo dei suoi al 43′, ma un minuto dopo Mancuso trova ancora la rete dopo un rimpallo che lo mette davanti al portiere. In pieno recupero poi Marconi trova la rete del pareggio e manda in visibilio il pubblico. La gioia dura poco, perché Frattesi al 95′ chiude i conti. Recrimina però il Pisa nel finale per un fallo non visto dall’arbitro su Masucci che trova l’ira funesta di tutta la squadra e dirigenza nerazzurra.

TABELLINO PISA-EMPOLI 2-3
Pisa: Gori; Belli, Aya, Benedetti, Lisi; Gucher, Marin, Di Quinzio (20′ st Ingrosso); Minesso (11′ st Pinato); Fabbro (8′ st Masucci), Marconi. A disp: D’Egidio, Perilli, Birindelli, Verna, Siega, Izzillo, Meroni, Varnier, De Vitis. All. D’Angelo
Empoli: Brignoli; Veseli, Romagnoli, Maietta, Balkovec; Stulac, Frattesi, Bandinelli (15′ st Bajrami); Dezi (38′ st Laribi), La Gumina (33′ st Moreo), Mancuso. A disp. Perucchini, Provedel, Donati, Nikolaou, Fantacci, Piscopo, Merola, Ricci, Pirrello. All. Bucchi.
Arbitro: Aureliano Di Bologna
Reti: 41′ Mancuso, 45’+1 Marconi, 44′ st Mancuso, 45’+4′ Marconi, 45’+5′ Frattesi
Ammoniti: Romagnoli, Veseli, Bandinelli, Marin, Maietta
Note: Recupero 1′ pt, 5′ st. Spettatori 9 mila circa per un incasso lordo di € 114.131 di cui rateo abbonati € 53.772.

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018