Il Pisa vince la gara più importante dell’anno grazie a una rete di Eusepi che entra di diritto nella storia dei derby con il Livorno. Con gli amaranto battuti per la prima volta in campionato si riapre la corsa al primo posto. Si tratta della migliore partita della stagione per i neroazzurri che vincono da grande squadra resistendo nel finale agli attacchi dei labronici.

La Curva Nord senza i gruppi organizzati rimasti fuori per protesta (Foto Andrea Valtriani)

Una gara attesa da settimane, un derby che conta, non solo per il significato rappresentato da questo match. Pisa-Livorno è anche una sfida per la classifica: la vittoria del Pisa in questa importante gara riapre il campionato. La marcia di avvicinamento verso la partita è stata travagliata. Dalla decisione della Curva Nord di restare fuori alla questione stadio ampiamente sviscerata dal Pisa e dal Comune. In mezzo la decisione delle autorità di limitare la capienza a 8600 spettatori. Ieri i tifosi hanno assistito all’allenamento per sostenere la squadra prima di questa importante partita, mentre nei giorni scorsi grandi ex hanno ricordato il passato di questo derby. Mister Pazienza in formazione ha optato per la difesa a quattro con il ritorno di Mannini terzino puro. In panchina Lisuzzo e Negro, quest’ultimo praticamente annunciato ieri, mentre De Vitis è stato recuperato. Il primo tempo è molto fisico con l’arbitro che lascia giocare molto. Il Livorno imposta, mentre il Pisa tenta di ripartire in contropiede. Dopo 20′ il Pisa cresce di intensità e trova la rete nel momento migliore al 31′ con Eusepi. Nella ripresa il Livorno preme effettuando tantissimi cross, ma il Pisa resiste e porta a casa un risultato storico. Il campionato è di fatto riaperto.

Il gol dell’1-0 di Eusepi (Foto Andrea Valtriani)

PRIMO TEMPO – Partenza molto fisica delle due squadre, ma la prima occasione è del Pisa al 6′: Giannone si accentra mettendo in mezzo un cross teso per Masucci che prolunga per Mannini, ma il capitano viene fermato da un intervento di Mazzoni. Poco dopo Franco ci prova da distanza proibitiva, ma Petkovic blocca senza troppi problemi. All’11’ azione speculare del Livorno con Mendes che va alla conclusione all’interno dell’area piccola, ma Petkovic respinge e la difesa si salva in qualche modo. Al 22′ Mannini chiude su Doumbia lanciato a rete rischiando di sorprendere Petkovic, che invece riesce a bloccare. Al 26′ azione prolungata del Pisa con Giannone che va al tiro dopo una serie di respinte, ma la sua conclusione è debole e centrale. Poco dopo sempre Giannone si accentra, ma spara alto. Dopo i primi 20′ in cui il Livorno imposta e il Pisa riparte in contropiede la squadra di Pazienza cresce di intensità. Nel momento migliore i neroazzurri colpiscono con una rete di Eusepi servito da Masucci sul filo del fuorigioco da De Vitis al 31′. Poco dopo il Pisa va ancora vicino al gol con un colpo di testa di Ingrosso, ma Mazzoni blocca a terra in due tempi. Al 43′ Masucci va al tiro, ma trova la deviazione di un difensore per il calcio d’angolo. Termina così la prima frazione di gioco.

SECONDO TEMPO – Il Livorno cerca di costringere il Pisa nella sua metà campo durante i primi minuti della ripresa, ma la squadra di Pazienza usa la tattica del contropiede con sapienza, riuscendo a essere più pericolosa degli amaranto. Al 61′ un cross di Pedrelli si trasforma quasi in gol con la palla che attraversa pericolosamente tutta l’area di rigore del Pisa toccando il palo esterno e terminando a lato. Petkovic in questa occasione non è all’altezza, sbagliando l’uscita. I due allenatori decidono, in un momento di stanca, di effettuare vari cambi. Per il Livorno fuori un impalpabile Vantaggiato, sostituito da Ponce, oltre all’ingresso di Perez per Murilo, mentre il Pisa decide di inserire Lisuzzo per Giannone. Il Livorno mette in mezzo una quantità di palloni incalcolabile, con la squadra di Pazienza che si chiude a riccio in difesa. Pazienza fa entrare anche Izzillo per uno stanco De Vitis per dare ulteriore stabilità in mezzo mentre gli avversari continuano ad attaccare riuscendo solo a calciare da fuori. Il Livorno si gioca il tutto per tutto effettuando tutti e cinque i cambi, ma poco dopo Maiorino si fa espellere e i labronici restano in dieci. A questo punto anche Pazienza effettua gli ultimi cambi con l’ingresso di Zammarini e Cernigoi per Filippini ed Eusepi. All’86’ viene annullato un gol al Livorno per fuorigioco, la squadra di Sottil le prova tutte, ma alla fine il Pisa porta a casa l’intera posta in gioco.

TABELLINO PISA-LIVORNO 1-0
PISA: Petkovic; Mannini, Ingrosso, Carillo, Filippini (83′ Zammarini); Gucher, De Vitis (77′ Izzillo), Maltese; Giannone (68′ Lisuzzo), Masucci, Eusepi (83′ Cernigoi). All. Pazienza
LIVORNO: Mazzoni; Pedrelli, Gonnelli ( 79′ Baumgartner), Gasbarro, Franco; Luci (79′ Montini), Giandonato (58′ Maiorino); Doumbia, Murilo (68′ Perez), Valiani; Vantaggiato (68′ Ponce). All. Sottil
Arbitro: Massimi di Termoli
Reti: 31′ Eusepi
Ammoniti: Filippini, Murilo, Masucci, Mazzoni, Petkovic
Espulso Maiorino per doppia ammonizione
Note: Abbonati 4292, paganti 4015, tot 8307 per un incasso di euro 89684,63. Recupero 1′ pt, 4′ st

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018