Ultimi preparativi prima delle convocazioni. I nerazzurri stanno ultimando le ultime pratiche, ormai già pronti per le visite mediche e i test sierologici, attendendo le ultime linee guida per i tamponi, ma lo staff è già pronto anche su quello. Il nodo sui tamponi da sciogliere è se potersi muovere autonomamente o aspettare direttive dalla Lega B. Poi sarà il via alle convocazioni dopo il protocollo per la B, con la società che chiamerà a raccolta gli atleti.

Moscardelli con la sua nuova mascherina personalizzata

Il “via” ideale lo ha dato il capitano, Davide Moscardelli, anche lui ultimando gli ultimi preparativi, con una mascherina ad hoc confezionata da un’azienda romana recante la stampa del suo soprannome ‘Moscagol‘. Dal suo sguardo traspare gran voglia di tornare in campo assieme ai propri compagni. Per lui ci sarà anche l’atteso incontro con il ds Gemmi e il dg Giovanni Corrado, per discutere del suo rinnovo, ma lo stesso Corrado lo ha già detto a “Finestra sull’Arena” la scorsa settimana: “Non sarà difficile trovare un punto di incontro con lui, che lo renda felice e possa venire incontro ai suoi desideri”. Ormai si contano i giorni per le convocazioni. La speranza del Pisa è di dare comunicazione ai calciatori per convocarli all’inizio della prossima settimana, ma si potrebbe slittare anche di qualche giorno, dopo aver risolto il nodo dei tamponi e del protocollo per la B, anche perché sono state risolte tutte le criticità logistiche. I campi sono sanificati, gli accordi con le strutture per visite mediche e test sierologici prese. D’Angelo scalpita, ha voglia di tornare a rivedere i propri ragazzi per portare a termine una stagione che fino adesso ha lasciato il Pisa all’undicesimo posto in campionato. Tolto chi si trovava già a Pisa, bisognerà infatti far rientrare i vari Belli (a Firenze), Gucher (in Austria), Moscardelli (a Roma), ma anche Vido e Fabbro, entrambi fuori città, e non solo loro. L’unica criticità sarà rappresentata da Robert Gucher, che dovrà necessariamente osservare, qualora rientrasse prima del 3 giugno, un periodo di quarantena imposta secondo linee guida del governo per chi rientra dall’estero.

Proprio ‘Moscagol’ questa mattina ha ironizzato: “Finalmente il pallone, il problema è ricordarsi come si fa”, in un video da Roma pubblicato dal Pisa. Inutile dire che il capitano ha infilato un sinistro all’incrocio dei pali. “Che dite… se lo ricorda ancora?” Ha titolato il Pisa.

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018