Due settimane fa, dopo una giornata pienamente da dimenticare per tutto il settore arbitrale, era scoppiato il caos in Serie B. Tutto è cominciato in realtà sotto traccia, quando venne annunciato il Var per l’inizio del girone di ritorno del campionato, salvo poi tornare sui propri passi per ‘incomprensioni’ tra Lega di Serie B e Aia, prima di ufficializzare l’utilizzo della nuova tecnologia dai prossimi playoff e dal prossimo campionato. Da quel momento in poi la situazione è degenerata e ci sono stati tanti problemi con annesse dichiarazioni e veleni. Nel frattempo è stato ufficializzato l’arbitro di Pisa-Empoli.

LA GIORNATA DELLA DISCORDIA – Il Corriere dello Sport l’aveva soprannominata ‘bufera arbitrale’. Un gol fantasma in Salernitana-Chievo, un gol in fuorigioco in BresciaCittadella, un rigore non assegnato in Cremonese-Pisa più un’uscita di Carnesecchi che grida allo scandalo, un altro rigore non assegnato alla Spal e un gol buono non convalidato contro il Cosenza e un rigore inesistente segnato da Boateng per il Monza. Tutto questo in una sola giornata.

VELENI E DISAGI – I veleni non hanno tardato ad arrivare, anche perché nelle successive giornate gli errori si sono moltiplicati. Pesanti problemi per Empoli e Pordenone, ma anche l’Ascoli. Tuttomercato riassume il tutto e pubblica le dichiarazioni del patron dell’Ascoli Massimo Pulcinelli: “Caro Ayroldi, quelli come lei mi fanno passare la voglia di fare calcio… come fa ad ammonire il sig. Caligara (prima ammonizione) e poi fa a poco dargli la seconda e il seguente rosso? Il rigore fischiato al campione di tuffi, che conosciamo benissimo.. il nostro Quaranta cosa ha fatto per meritarsi un rigore contro? Dovrebbe scomparire? Prima del rigore c’era un fallo a centrocampo a nostro favore non fischiato da lei su Sabiri… io sono stanco davvero! Ai nostri ragazzi chiedo più impegno e forza perché dobbiamo imparare a vincerle queste partite e nonostante tutto e tutti”.

CORSI E CORRADO – Sullo sfondo della prossima partita tra Pisa ed Empoli dell’Arena Garibaldi passa proprio il problema degli arbitri in Serie B e della credibilità del campionato. Tuttopisa infatti oggi ha dedicato spazio alla questione, citando sia le parole di Giovanni Corrado su Il Tirreno, sia quelle del presidente dell’Empoli Corsi, che anticipano i temi della partita. Se Corsi si era dimostrato avvelenato dicendo “Non so cosa pensare, non so cosa dire. Se parlassi da tifoso, e io dell’Empoli sono prima di tutto un tifoso, userei espressioni di basso livello“, Corrado invece ha parlato in maniera più equilibrata, per non esasperare ulteriormente gli animi: “Non crediamo di aver subito danni inferiori, anche con errori grossolani. Semplicemente è un modo diverso di approcciarsi: sappiamo che è difficile arbitrare. A tutti piace far bene, non crediamo che manderanno qualcuno che si faccia condizionare. Spero in un bel derby, ben giocato e ben diretto“. La credibilità degli arbitri quindi è messa a dura prova in questa partita. Ci aspettiamo, da addetti ai lavori, una partita diretta in maniera impeccabile, a questo punto.

L’ARBITRO DI PISA-EMPOLI – Come riporta infatti l’ufficio stampa del Pisa, “Il Responsabile della CAN Serie A e B Nicola Rizzoli ha affidato la gara Pisa-Empoli in programma sabato 20 febbraio (ore 18.00) e valida per la 24° giornata del Campionato Nazionale di Serie B a Gianluca Manganiello di Pinerolo. Il direttore di gara sarà assistito da Christian Rossi de La Spezia e Andrea Tardino di Milano. Il Quarto Uomo sarà Federico Dionisi de L’Aquila”.

IL VAR –  Come si può ricordare infatti, il Var, sarebbe dovuto partire nel girone di ritorno del campionato, ma alla fine il progetto è stato rinviato nuovamente ai playoff e alla prossima stagione calcistica ufficialmente, proprio per mancanza di personale formato all’interno della classe arbitrale. Se, insomma, il var non è partito, paradossalmente la ‘colpa’, è proprio dei vertici dell’Aia. Proprio Nicchi gelò Balata a novembre con queste parole: “Non siamo pronti. L’introduzione del var in Serie B prevede un percorso di formazione specifico, ma ad ora non ci sono le condizioni”, provando a scaricare la colpa sul presidente della Serie B. Eppure ormai sono ben 3 anni che si parla di questa possibilità in cadetteria. Misteri del Covid-19.

Commenti

Condividi
Giornalista pubblicista pisano, nel 2009 ha scritto il libro ufficiale del Centenario del Pisa Calcio, il volume "Cento Pisa" per la CLD Libri. Nel 2010 ha portato alla luce lo scandalo delle bici truccate e collaborato con la giustizia italiana nell'inchiesta aperta dal PM Guariniello. Ha scritto "La Bici Dopata" suo terzo libro uscito ad Aprile 2011. Addetto stampa del CUS Pisa tra il 2013 e il 2015. Corrispondente da Pisa per Radio Sportiva. Conduce "Finestra sull'Arena", il talk show di Sestaporta TV in onda tutti i giovedì alle 21. Collaboratore de "La Nazione" di Pisa da agosto 2018